Archivi catalogati in: Cannes 2010

The voice over

You will meet a tall dark  stranger.  Questo promettono le cartomanti  ma quasi mai avvertono  che se la profezia dovesse  avverarsi, sarebbero  comunque amarissimi cavoli. A meno di essere un po’ svalvolate, di essere state piantate per una più giovane e di credere, oltre che alle favole, di aver diritto ad una seconda opportunità, pretesa altisonante ma che, al dunque,  più modestamente si riduce al desiderio di un nuovo amore. E pazienza se invece che … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | 4 Commenti

Qu’arrive-t-il à mes yeux ?

Mentre le previsioni – che quasi mai c’azzeccano –  davano per certi  Mike Leigh o Alejandro González Inarritu, Apichatpong Weerasethakul –  niente paura, il critico cinematografico di Libération assicura che Apichatpong  è da tutti chiamato Joe –  col suo Uncle Boonmee who can recall his past lives si è aggiudicato la  Palma d’oro di quest’anno. Meritato omaggio al cinema-cinema o al cinema puro, come viene altrimenti definito, per questo film misterioso sul ritorno ai luoghi … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | Lascia un commento

Malgré la classe dirigeante

Un premio anche per Noi, visto che Elio Germano, miglior attore con La nostra vita, il suo lo ha generosamente dedicato agl’italiani nonostante la classe dirigente che si ritrovano. E siccome la Palma è a pari merito con Xavier Bardem per Biùtiful, Giustizia può dirsi fatta. Condividi suFACEBOOKTWITTEREMAIL

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | 3 Commenti

Arrivano i nostri

Pochetti in verità. A parte Visconti con il Gattopardo restaurato dall’infaticabile Scorsese e dalla sua The film Foundation – più una lista di partners, Maison Gucci in testa, che pare l’elenco del telefono – o Marco Bellocchio, versione lectio magistralis ( brillantissima ) sul Cinema, l’Italia  schiera Michelangelo Frammantino, alla Quinzaine con Le quattro volte,  film a episodi, bello e possibile, visto che non va male manco nelle vendite, sulla teoria pitagorica delle quattro essenze  – razionale, minerale, … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | 1 Commento

….et un plan noir final où l’on peut lire “No Comment“

Suite  à des problèmes de type grec, je ne pourrai être votre obligé à Cannes. Avec le festival, j’irai jusqu’à la mort, mais je ne ferai pas un pas de plus. Amicalement. Jean-Luc Godard.   Défection – per giustificati motivi –  ma  Absence fino ad un certo punto, visto che intorno al suo film,  come a quei problemi di tipo greco, ci si è interrogati ampiamente. Più difficile che criptico –  com’è stato frettolosamente definito –  Più … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | Lascia un commento