Archivi catalogati in: Cannes 2007

La meravigliosa Alexandra

L’idea che proprio questo film fosse un’opera di regime (putiniano) solo perchè affrontando il tema della guerra in Cecenia, preferisce indagare il  versante della tragedia esistenziale su entrambi i fronti, piuttosto che quello delle responsabilità – peraltro a tutti note – del Cremlino, guardando Alexandra, non trova particolare fondatezza. Eppure intorno a questa presunzione, la critica lo scorso anno a Cannes, dove il film era in concorso, s’ è accapigliata in un modo inusuale, differentemente cioè da  quanto normalmente … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2007, La fabbrica del cinema | Tagged , | Lascia un commento

Complici Chet Baker e Summertime

Al festival di Cannes esiste un premio che si chiama  Coup de coeur . Bikur Ha-Tizmoret – titolo italiano  La banda –  opera prima del  giovane regista israeliano Eran Kolirin , lo scorso anno ha partecipato alla sezione Un Certain Regard, aggiudicandosi a pieno titolo quel riconoscimento Forse la banda musicale egiziana che sbarca a Telaviv per suonare all’inaugurazione di un centro culturale arabo e che per un banale errore di pronunzia, finisce in una piccola città isolata  nel deserto, si ritrova in un territorio … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2007, La fabbrica del cinema | Tagged , | 3 Commenti

Elogio delle piccole resistenti (innamoratevi di Marjane)

Ottantamila disegni tutti  rigorosamente realizzati a mano e tutti in bianco e nero ( tranne il corpo al presente di Marjane che è rosa e Parigi che è a colori ) in commosso omaggio al neorealismo Italiano. Niente ricorso al digitale ma il cielo sa, cosa riesce a fare e che ci tiene  quel carboncino, tra luci ombre, chiaroscuri  e  caratterizzazioni. Ben seicento sono i personaggi, tanti ne occorrono a definire il mondo di Marjane, bambina cresciuta in … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2007, La fabbrica del cinema, Oscar 2008 | Tagged , , | 3 Commenti

Quando la risata seppellisce machismo e nostalgia

Ho sempre dubitato che i parrucchieri  fossero quei luoghi del tutto futili intorno ai quali  ama esercitarsi, con tutta la malignità di cui è capace, l’  Immaginario maschile. E non solo perchè da brava cinematografara  ho  amato  Donne di Cukor o la Moglie del soldato o Steel Magnolias ma semplicemente perchè è la stessa realtà  a contraddire il cliche dell’aggregazione femminile ciacolante, superficiale e pettegola quando si trova  all’ombra della cosmesi in fiore . Caramel è la pasta di zucchero e limone  usata nel … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2007, La fabbrica del cinema | Tagged , | 3 Commenti

Fenomenologia del pidocchietto* e dell’exploitation

Inutile andare al cinema a vedere Grindhouse – A prova di morte – e poi torturarsi con il vecchio interrogativo se sia Tarantino un genio o una sòla, poichè in questo,come in altri casi, la terminologia e le definizioni  si sovrappongono sino ad assumere un unico significato.Alla fine un genio è quasi senpre una sòla.Narrano le leggende,numerose intorno alla realizzazione di questa pellicola, che durante il primo week end di programmazione , Quentin  abbia attraversato Los Angeles a bordo della sua Mustang gialla e … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2007, La fabbrica del cinema | Tagged , | 14 Commenti