Archivi catalogati in: La fabbrica del cinema

Il cinematografo è una malattia! (due : l’idea migliore)

     Il lato nascosto del Genio, si direbbe.E se non fosse intervenuto Bret Easton Ellis, l’Eterno Rivale, a chiarire quanto fosse stronzo, vanesio, vuoto, sopravvalutato e pure repubblicano il molto – e con più di una ragione –  celebrato scrittore David Foster Wallace, non avremmo mai capito davvero il senso di questo film. A sua insaputa – ma poi chissà – e tra un insulto e l’altro, Easton Ellis ci spiega che The end of the … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Romafilmfest 2015 | Lascia un commento

Il cinematografo è una malattia ! (un’invocazione e sei documentari)

Meno spettatori,meno incassi,meno sale e meno un giorno di programmazione. Meno glamour. Quel poco tutto sulle spalle di Monica Bellucci ed Ellen Page, dato che il neo pontefice Law ha visto il pubblico  agli Incontri Ravvicinati ma ha rifiutato photocall e red carpet. Nessuna anteprima – a parte i film italiani – nessuna giuria se non il pubblico votante, nessun premio ma, insiste sino allo spasimo il direttore Monda , la scelta di puntare al … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Romafilmfest 2015 | Lascia un commento

Un pensiero per Theo

Una chiatta attraversa il Danubio trasportando i tronconi di una gigantesca statua di Lenin prelevata da chissà quale piazza e destinata a chissà dove e chi .Passa  dunque sotto ai nostri occhi la metafora del tutto esplicita di un’altra frantumazione che il protagonista, il regista A. puntualmente annota come tappa del suo viaggio alla ricerca delle bobine di un film girato dai fratelli Manakias.Dalla Macedonia attraverso i Balcani terminando in una  Sarajevo spesso immersa nella … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | 3 Commenti

Wouldn’t you like to know! Maybe it’s Marilyn Monroe!

The seven years itch che qui  da noi divenne Quando la moglie è in vacanza, presumibilmente  perché all’epoca i pruriti del settimo anniversario non erano ancora entrati nell’ immaginario nazional- collettivo ,  oggi compie 60 anni. La foto qui sopra ritrae Marilyn in attesa del ciak mentre indossa  un abito bianco destinato a divenire  cult nel cult. Di lì a poco, posizionata su una grata della sotterranea,  il plissè soleil della gonna si gonfierà per lo … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | 9 Commenti

Tutti i battiti del mio cuore

Veramente il titolo originale di questo vecchio film del vincitore Audiard era  De battre mon coeur s’est arrêté .Il che sarebbe stato più adatto alla delusione di non aver riportato a casa manco una palma minore ma il premio non era nell’aria e lo spiegamento francese lasciava prevedere quel che poi è successo. Diciamo che il cuore  ha avuto tempo di abituarsi. Tuttavia, palme o non palme, di lì sono passati egualmente il Talento, la Creatività … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2015 | 1 Commento