Archivi Mensili: febbraio 2007

Rischio d’Impresa

Se lo spettacolo deve come da più parti si sostiene,continuare, non è certo perchè non bisogna cedere ai violenti o perchè non si vogliono privare incolpevoli appassionati del loro sport preferito.Il vero motivo sono quei 500 milioni di euro di perdita già calcolati dagli esperti e che rappresentano il paletto ricattatorio che ogni volta viene opposto alla realizzazione di qualunque tipo di riforma.La coazione a ripetere dunque, è arrivata al suo momento clou.Dopo la sequenza : Dramma – … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | Tagged | 5 Commenti

Stranger than Fiction (vero come la finzione)

Che bello : Hollywood con tutti i crismi – c’è persino Dustin Hoffmann e il superdivo del  momento Will Ferrel,non parliamo poi della presenza del regista di Neverland,Marc Forster –  ma  con l’aggiunta di  Emma Thompson e di una sceneggiatura  un po’ fuori dagli schemi.Il mix non poteva che funzionare :c’è una voce narrante che perseguita unagente delle tasse un po’ scialbo,metodico  e con il tic di contare tutto,descrivendone l’esistenza e predicendone la morte.Disperato,l’agente delle tasse si … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged | 1 Commento

I guerrieri della notte

Il piatto  forte del programma è l’ultras catanese con  il cappuccio della felpa d’ordinanza calato fino coprire  mezzo volto .La camera lo inquadra prima di tre quarti poi di spalle, ne protegge l’anonimato. Di fronte, un inviato che per incoraggiarne invece le rivelazioni, ammicca,insinua,a tratti finanche sorride,poco ci manca che non gli dia di gomito.Nel corso dell’intervista l’incappucciato avrà modo di esprimersi liberamente, con il linguaggio tipico da malavita organizzata,racconterà a modo suo la dinamica dei fatti ,dirà fatalisticamente "capita", commentando l’accaduto (che poi è un omicidio) approfitterà per … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | Tagged | 10 Commenti

Metti una sera a cena con Avati

Pupi Avati ,31 film in 39 anni, più quattro programmi televisivi,più un film a episodi come produttore, dice che il cinema è morto ,è diventato un prodotto di èlite che non è più in grado di formare opinioni e creare tendenze, mentre  la televisione dilaga  annullando le coscienze con ignobili sottoprodotti tanto da essere diventata la peggiore maestra del secolo.Di questa visione un po’ apocalittica,  sebbene smentita dalla notevole produzione e soprattutto dalla qualità creativa che … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged | 3 Commenti

Il taglio alto e la metà di niente

Sono stati così lievi gli argomenti e i toni del cicaleccio di ieri  che seppure qualcuno avesse accennato ad un giudizio legittimamente severo, avrebbe visto il suo intervento cadere nel vuoto.- Volta la pagina o cambia canale, che c’è quel noioso/a  che  se la prende con Lui/Lei/ ,il Direttore del Giornale e il Tamburo Battente -. La Grande Identificazione ha prodotto ancora una volta  il suo effetto e gli stessi talk (o le stesse colonne o le stesse pagine web) che … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | Tagged | 6 Commenti