Archivi Annuali: 2008

La sua cattiva strada (dite a mia madre che non tornerò)

La cattiva strada nasce in collaborazione con Francesco de Gregori, nel 1975. Ma come luogo deputato del proprio sistema etico e di valori, Fabrizio de Andrè l’aveva concepita già da tempo. Anzi era proprio lì che aveva cominciato, dalle cattive compagnie – mia madre mi disse: non devi giocare con gli zingari del bosco ma il bosco era scuro l’erba già alta, dite a mia madre che non tornerò – Nei versi di Sally,  che ovviamente non alludono ne’ agli zingari ne’ alla … continua a leggere »

Catalogato in libri | Tagged , , | 1 Commento

E poi..

Del generale clima di Restaurazione, l’ Uomo di Potere, oramai invecchiato, ancora non del tutto fuori dal Gioco – sebbene nell’impossibilità di condizionarne le regole – e che prende a  straparlare, è il classico coronamento. Nei casi letterari –  siamo a Shakespeare o ai tragici greci, il repertorio è quello –  il manifestarsi della (lucida) follia, induce il pubblico a  riflessioni importanti. Ma Cossiga tutto è fuori che folle, lo sembrava assai di più quando invece di mandare lettere … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | 4 Commenti

La giacchetta di Barack

Questa corsa all’obamizzazione, prevedibile ma, quantomeno nella gente comune, non sempre connessa con la logica di stare ad ogni costo col vincente, magari ci mena buono e introduce nel dibattito politico, che qui da noi  trascura un po’ troppo quel che succede altrove, qualche elemento interessante. Obama non è l’esplosione inattesa della voglia di invertire la rotta degli elettori statunitensi ma egli stesso l’incarnazione di un cambiamento che nella testa e nel profondo dell’animo degli americani, è già avvenuto. Differentemente da quanto capita spesso in politica : la voglia di … continua a leggere »

Catalogato in Americana, Election day 2008 | Tagged , | Lascia un commento

Eco da un altro mondo

Stanotte qualcuno del pubblico, durante il discorso di McCain, ha provato a fischiare al primo accenno del nome Obama. La foto qui sopra non esprime del tutto il disappunto, ma non c’è stato bisogno d’altro che quel gesto di riprovazione, le mani che respingono, una  smorfia infastidita e il fischio è rimasto per aria. Il resto del discorso è stato pronunciato in un silenzio quasi perfetto. Magari il fair play, il riconoscimento della sconfitta, il rendere omaggio al … continua a leggere »

Catalogato in Election day 2008 | Tagged , | 4 Commenti

We have overcome

This is our moment, this is our time. Da Memphis 1968 a Chicago 2008. Quarant’anni per chiudere una fase. E anche se le sfide  non sono certo al termine, chi ha messo al centro del proprio modo di pensare la politica e di agire, il tema dei Diritti, vive oggi un momento speciale. E’ stata una notte piuttosto lunga e incerta ma stamane, almeno le parole della celebre canzone  possono essere cambiate we have overcome. … continua a leggere »

Catalogato in Americana, Election day 2008 | Tagged , | 7 Commenti