Archivi Mensili: giugno 2008

Nel buio della notte

Francesco Munzi  unico rappresentante italiano alla Quinzaine des Réalizateurs con  Il resto della notte, in realtà ci aveva già introdotti  al piacere forte del suo registro narrativo essenziale, dirigendo  Saimir,  aspro e bellissimo film d’esordio incentrato sulla fase di passaggio all’età adulta di un giovane immigrato albanese e sul suo deciso rifiuto dello stile di vita paterno fatto di traffici oscuri e piccola criminalità rassegnata. Confermando la propria vocazione al Presente e ad un cinema civile, il Munzi del … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2008, La fabbrica del cinema | Tagged , | Lascia un commento

Acqua passata, scampato pericolo

La poesia di Pierpaolo Pasolini  è titolata A.G.L Rondi  e dice  Sei così ipocrita, che come l’ipocrisia ti avrà ucciso/ sarai all’inferno e ti crederai  in paradiso. Risposta in versi, a buon diritto avvelenati,  alle stroncature che puntualmente accompagnavano l’uscita di film quali Accattone o il Vangelo del quale  Rondi era fiero, quantunque  non isolato, detrattore. Come lo fu, del resto, di Ferreri e di Antonioni . Acqua passata. Nell’ introduzione al suo libro Prima delle … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Romafilmfest 2008 | Tagged | Lascia un commento

Il più amato

  Non si capisce bene perchè la notizia dei nove licenziati ATM ( tutti per giusta causa, anzi sacrosanta ) debba essere contrabbandata come indizio di rinnovata  severità  ed efficienza, nonchè merito indiscusso delle magie di un governo che da quando è  in carica, tutti sollecita a diventare migliori. E meno male che il sindacato avverte che l'ATM, anche governando esecutivi più mollaccioni, abbia fin qui viaggiato ad una media di 35 risoluzioni contrattuali l'anno. Parecchie in verità, se fossero tutte per giusta causa … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | Tagged | 6 Commenti

Non bevi, non fumi, non guidi la macchina..ma ti godi la vita tu?

Risi aveva un talento speciale per raccontare le fasi di passaggio – epoche di transizione le chiamano , quei periodi della storia di un Paese , densi e complessi  in cui un’ aspra coabitazione tra passato e presente, quasi mai lascia intravedere un futuro definito. Le incertezze che ne derivano prendono pieghe diverse : speranza, curiosità,crisi ma anche orrore ed inumano cinismo. Poggiando su basi solide la sua leggerezza di narratore – in immagini, in prosa e anche in versi – che si risolve … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Se ne sono andati | Tagged | Lascia un commento

Testardamente : Parità Dignità Laicità

Qui Tutte le informazioni, il documento politico, la piattaforma rivendicativa, il pullman fucsia (che ieri ha compiuto la famosa tratta altrimenti  detta  delle basiliche, tanto per ribadire), il percorso,  l’inno ufficiale, le adesioni  e il resto delle storie sui carri, le gabbie, le ministre all’ombra in apertura del corteo  e quelle al sole riprodotte in dodici esemplari – una al mese, da gennaio a dicembre, inesorabilmente –   i patrocini che ci sono e quelli che mancano, le piazze promesse … continua a leggere »

Catalogato in Romapride 2007 | Tagged | 7 Commenti