Archivi Mensili: ottobre 2008

Libero di scegliere

D’istinto,  ognuno  vorrebbe che Roberto Saviano  restasse dov’è, cioè qui, nel suo Paese. Cedere alla prepotenza e al ricatto, ci sembra oggi  un fatto  davvero insopportabile. Esortazioni e appelli anche autorevoli si susseguiranno. E va benissimo : la solidarietà allevia il senso di solitudine e un poco rassicura.  Ma poi c’è quell’esclamazione letta su Repubblica  – ho ventotto anni ! – che ci obbliga ad altri pensieri. Uno su tutti :  difficilmente la considerazione dell’età gioca un qualsiasi ruolo, quando si parla … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | Tagged | 10 Commenti

Bentornati ( c’è un altro paese)

Vediamo se con ciò, la facciamo finita con la retorica della maestrina (unica) che negli anni cinquanta teneva classi di 40 ragazzini ingrembiulati e –  usa a obbedir tacendo – sorrideva, tutta abnegazione e spirito di servizio. Con l’occasione vediamo anche chi sono e cosa pensano, tutti coloro i quali, intervistati dai sondaggisti,  hanno risposto che a loro la Gelmini non piace affatto. Checchè se ne dica , sembra esistere un altro Paese che chiede la parola e … continua a leggere »

Catalogato in Studenti | Tagged | Lascia un commento

Dentro lo scafandro

          Ho raccontato una storia vera. Il giornalismo non ha fatto il suo dovere sull’Iraq. 4.000 morti e solo quattro immagini di tombe: è il dato del New York Times. E’ la domanda di verità è sempre più forte in America. Io volevo che la gente si mettesse nei panni dei soldati al fronte. Che provasse quello che provano loro. Psicosi e dipendenze comprese. Kathryine Bigelow         In … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged , | Lascia un commento

The charging bull

Di qui a qualche ora si saprà se lo scudo predisposto dal G7 e dal vertice Europeo sarà in grado o meno di restituire fiducia ai mercati. Il piano  proposto ricalca quello di Paulson negli USA : lo Stato acquista una partecipazione azionaria nelle banche mobilitando risorse per la ricapitalizzazione, senza per questo pretendere un proporzionale diritto di voto. Non si tratta quindi di una partecipazione azionaria di controllo ma di un semplice impiego di risorse pubbliche per scopi privati. Saranno … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | Tagged | Lascia un commento

Jungle red !! (Mary Sylvia Crystal e le altre)

  A Mary Haines non sarebbe mai passato per la testa di reagire alle corna spazzolando un panetto di burro intriso nella cioccolata, ne’ di recarsi in una spa per riconquistare Stefano, il fedifrago – nonchè facoltoso banchiere in Wall Street –  consorte, irretito da Crystel Hallen, la commessa di un reparto di profumeria dove le essenze si chiamano Summer rain e i flaconi hanno il  tappo sormontato da un ombrellino di cristallo. Mary del resto è perfetta così com’è … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged | 9 Commenti