Archivi Mensili: maggio 2009

Au fil de la croisette (prologo)

Una nevicata di metà maggio alle otto del mattino laddove il giorno prima era passato un drappello di ciclisti completamente nudi o l’enorme  Transformer   davanti al  Carlton, segnalano – ovviamente – l’incombente presenza del mercato ma anche che qui tutto può succedere. E così quando una trentina di militanti du Front de Gauche assaltano il panfilo di Madoff  regolarmente immatricolato  alle Cayman,  qualcuno pensa che si tratti di un’ ennesima promozione cinematografica. Invece si reclamizza  la proposta elettorale  di … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2009, La fabbrica del cinema | Tagged | Lascia un commento

Avant de partir ( n’oublie pas, tu es là pour travailler )

Pensando a François Truffaut che cinquanta anni fa  con Les quatre cents coups vinceva la palma d’oro inaugurando ufficialmente una stagione rivoluzionaria per il cinema mondiale , comincia anche quest’anno la caccia ai tesori del Marchè du film . I film in catalogo sono circa 9600 – alla faccia della crisi che però da che mondo è mondo, svuota le tasche e riempie le sale – il che rende le 16 proiezioni al giorno del programma ufficiale che vede impegnati oltre 4.000 giornalisti – sempre … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2009, La fabbrica del cinema | Tagged | 13 Commenti

Storico e senza precedenti

Sonno della ragione –  per dirla con Minniti ma stavolta il mostro è legislativo –  ed esaltazione dell’ipocrisia soprattutto, basta leggere qualche passaggio  del decreto legge cosidetto della sicurezza, per capire quanto il dispositivo serva più da omaggio alla paranoia nazionale – ad arte sollecitata nei mesi addietro – che a regolare la civile convivenza. Ovvero come spot elettorale. Che non guasta mai. Come pure Bossi ha candidamente ammesso di recente. In attesa di registrarne le storture, … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | 2 Commenti

Se non ci sei.. non esisti

In attesa di tempi migliori che di sicuro arriveranno non appena Angels & Demons avrà percorso in lungo e in largo le sale della penisola  sbancando il box office – nelle prossime due settimane escono qui da noi, solo cinque film, contro i quindici o venti abituali – ci si può intrattenere con questa garbata commediola tratta dall’autobiografia del giornalista inglese Toby Young titolata  How to Lose Friends and Alienate People. Divertente presa per i fondelli di un mondo, quello del … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | 4 Commenti

Détruire, dit-lui

Da una parte la vendetta passa per l’esecuzione a mezzo stampa della moglie ingrata oltre che visionaria e plagiata – quindi instabile e sciocca –  dall’altra la difesa  televisiva del farfallone amoroso, ingenuo e intruppone,  è affidata a dipendenti fedeli, coordinando le operazioni il legale di famiglia, onore e vanto del Foro di Milano – Milano sì, e non c’è Lodo, ne’ Ricusazione che tengano, la sentenza verrà emessa per competenza territoriale, ironia della sorte, propriomin quelle aule – … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | Tagged | 2 Commenti