Archivi Annuali: 2010

La destra che verrà

Esordiscono con Balla – o forse Boccioni, non è deciso –   nel simbolo e un ruolino di marcia,  di qui a gennaio, serrato ma da partito leggero, moderno, post ideologico,così come lo ha disegnato Fini ieri l’altro in occasione dell’insediamento del Comitato Promotore. Prima il Manifesto dei Valori, poi la Convention di Presentazione ed infine il Congresso Fondativo. Con  le associazioni e gl’intellettuali al lavoro e un gruppo di parlamentari determinato che sembra trapelare  … continua a leggere »

Catalogato in Palazzo | 4 Commenti

La nuit blanche

La notte bianca è stata una delle prime iniziative della quale  il sindaco Alemanno ha preteso di aver ragione. Una volta insediato, l’ha subito tolta di mezzo. Troppo evocativa della passata gestione. A Roma c’era ben altro a cui pensare, diceva. Ma di quelle priorità fatte di manti stradali  e borgate da risanare, non si è saputo più nulla. A parte qualche spot antidegrado – distruttivo di interi quartieri – o campagna sul rispetto della … continua a leggere »

Catalogato in Giro del mondo | Lascia un commento

Sinfonia d’autunno (con regali)

Il fatto che La Russa  – Annozero, ieri sera –  abbia  definito i  voti del FLI   indispensabili alla tenuta del governo, se  favorevoli , ininfluenti se contrari, non significa necessariamente  che l’aritmetica, come fondamento di ogni contabilità, sia diventata all’improvviso un ferro vecchio. Solo che in mancanza dell’apporto dei finiani,  buyers alla bisogna preparati,  procederebbero senza indugio a compensare lo sbilancio con un po’ di shopping tra i banchi di altre formazioni. Quanto al … continua a leggere »

Catalogato in Palazzo | 2 Commenti

Dreams feel real while we’re in them…..

.…………….It’s only when we wake up that we realize something was actually strange. Solo il cinema avrebbe potuto rappresentare  degnamente quel continuo avvicendarsi  veglia –  sogno – realtà di Inception, action movie psicolisergico, diretto da Cristopher Nolan, regista  che col gioco del comporre e ricomporre il sistema labirintico mentale si era già cimentato  in Memento,  incantevole lavoro degli esordi. Banda di incursori, esploratori, scippatori e manipolatori  si appropria dei sogni di alcuni manager  per carpirne … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | 2 Commenti

Prima che il gatto canti

Crisi creativa del cinquantenne  regista emergente – che se continua con l’inattività rischia di non schiodare mai più dall’emergenza – corroborata dall’unica proposta che passa il convento : una storia da cucire intorno ad una insulsa diva della tivvù desiderosa di passare al cinema. Ovvio che con questi presupposti la crisi diventi blocco e il blocco, con annesse frustrazioni e senso d’inadeguatezza, un macigno inamovibile. Ma i guai non vengono mai soli. L’essere accidentalmente obbligato … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Venezia 2010 | Lascia un commento