Archivi Annuali: 2010

Merci pour le chocolat

Avant, j’avais tendance à me rapprocher de plus en plus des acteurs. Je finissais par me dire: Tu ne vas tout de même pas faire que des gros plans, c’est du téléfilm ou bien il faut t’appeler Dreyer ! Bref, je passais mon temps à chercher ma place. Maintenant, je suis tout de suite où je veux. Claude Chabrol Condividi suFACEBOOKTWITTEREMAIL

Catalogato in La fabbrica del cinema, Se ne sono andati | 1 Commento

La vita senza Cleo

La vita di Johnny Marco, prototipo azzeccato del divazzo hollywoodiano, è presto detta : appartamento  allo Chateau Marmont sul Sunset Strip  – copia  conforme del castello di Amboise, un luogo a dir poco  terrificante –  ragazze,  feste, Ferrari nera, incontri, e manco a dirlo, noia mortale. Tant’è che oramai nemmeno lo spettacolino  a domicilio  di lap dance gemellare riesce a strappargli  – e  ce ne vuole di crudeltà  – un sorriso, mentre sul più bello … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Venezia 2010 | 2 Commenti

Da Venezia si vede Napoli

C’è il ragazzino del Vomero che vuole assolutamente  incontrare  i Roca Luce, gruppo Hip hop di Piscinola –  periferia nord della città ma come dire.. un altro mondo – C’è il cassiere di Poggioreale – Carcere con una grossa voglia  sulla fronte e il  vizio del gioco, unica passione, almeno  fino all’incontro fatale con una ragazza cinese. C’è il detenuto per stupro a Nisida che intrattiene una relazione epistolare con la sua giovane vittima nei … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Venezia 2010 | Lascia un commento

L’orrore della normalità

Eppure ad Ascanio Celestini, one men show  di fluviali  monologhi teatrali o televisivi, il cinema si addice moltissimo. Superata l’impresa mai facile della trasposizione dei testi in immagini e in battute da film, risolto  abilmente persino il passaggio più ostico, quello  che segna la differenza tra narrare e mostrare, il suo La pecora nera è, almeno fin qui, la rivelazione più brillante della Mostra. Sarà per la cifra fortemente evocativa del suo racconto o perchè … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Venezia 2010 | Lascia un commento

Armiamoci ( e cerchiamo di partire)

Il problema  – visto che, a quanto sembra, si dovrà  inaugurare la stagione del door to door –  sarà spiegare ai cittadini  la storia delle nuovissime architetture elettorali,  ovvero del come mai, pur essendo  ogni ipotesi di alleanza, larga intesa, ampia convergenza o quel che è, finita in litigi disastrosi, se non peggio, di questo gradito ritorno al Cartello. Non che sia impossibile , intendiamoci, trovare punti programmatici in comune che coinvolgano dai futuristi ai … continua a leggere »

Catalogato in Democratici | 3 Commenti