Archivi Mensili: maggio 2010

Someone reminded me I once said “Greed is good”……

….Now it seems it’s legal. Because everyone is drinking the same Kool Aid. Parole sante. Secco e lapidario, quantunque un po’ sgualcito – il tempo, l’età, la detenzione –  Gekko is back ( e con lui  il miglior Oliver Stone). Abbandonato il  corredo da squalo –  capelli incollati, bretelle, aria rapace e citazioni pronta cassa da Sun tzu –  che tanto impressionò i rampanti – dai tycoons ai rappresentanti di penne a sfera – degli … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | Lascia un commento

Il giovane Oliveira

Due anni fa,  in occasione del suo centesimo compleanno,  a Manoel De Olivera, fuori concorso a Venezia col suo bellissimo ed emblematico  corto Do visivel ao Invisivel, fu regalata pellicola in quantità sufficiente per realizzare un nuovo film. Con l’augurio – preghiera  che fosse  un lungometraggio.   Sarebbe logico pensare che questo suo O estranho caso de Angelica sia stato girato con quella pellicola ma non è affatto detto, visto che  nel 2009 a Berlino, … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | Lascia un commento

…E così cominciò la leggenda

Siccome non sono più le inaugurazioni di una volta – si vabbè,  certa  stampa francese non ce ne ha risparmiata nemmeno una ….e quando c’era BB e quando c’era Vadim e quando Visconti disse .. e quando  i soldi erano di meno ma la raffinatezza era di più , e i barbecue improvvisati e gli abiti a fiori delle dive…  –   Russel e Cate  si sono inerpicati sulla montée, un paio d’ore dopo  l’inizio del … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | 2 Commenti

En attendent …. ( la banderole bleue.)

Un grande striscione con i  nomi di tutti i registi viene issato sul Palais ( la foto è di Eric Gaillard per Reuters) Condividi suFACEBOOKTWITTEREMAIL

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | 2 Commenti

En attendant ….(surtout Godard)

Versione minimal – no look, no make up  e per giunta scalza, au temps des aiguilles, Juliette Binoche  traccia  innanzi a sè una scritta   luminescente : Cannes. E’ l’affiche del festival 2010,  una creazione di Annick Durban fotografata da Brigitte Lacombe. All’improvvisata writer Binoche – peraltro in concorso con un film di Kiarostami, Copia conforme, dunque, il compito di incarnare lo spirito dell’edizione numero 63 già variamente bollata come poco azzardosa, austera ,senza sorprese, d’autore e via dicendo. Vedremo. … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2010, La fabbrica del cinema | Lascia un commento