Archivi Annuali: 2011

Patiner sur glace

Comunque la si pensi in merito alla querelle innescata da Asor Rosa  – personalmente credo che di ulteriori Stati di Emergenza si possa anche morire –  che oggi torna sulle pagine del Manifesto appunto per ribadire la natura provocatoria del suo scritto, dovrebbe essere chiaro che nessun articolo di giornale, quand’anche invocasse i colonnelli, può essere considerato un giusto contrappeso ai manifesti che paragonano i magistrati alle BR, tantomeno alle esternazioni del Presidente del Consiglio … continua a leggere »

Catalogato in Palazzo | 2 Commenti

Con questo regista e questo film …

Tempo verrà anche per i detrattori, per la critica schizzinosa e per quelli cui piace passare per esigenti e fuori dal coro. Nell’attesa,  Habemus papam è già diventato HP, apprezzamenti e paragoni benevoli si sprecano in un’ unanimità consenziente e vagamente affettuosa. Il che non guasta. L’idea del papa controvoglia, depresso,  in ansia da pontificato, crisi d’inadeguatezza, panico da possibili confronti col predecessore, deficit da accudimento e, come se non bastasse, in fuga da responsabilità connesse alla … continua a leggere »

Catalogato in Cannes 2011, La fabbrica del cinema | 6 Commenti

Prognosi delinquenziale

Nel sistema Italia non e’ giusto trattare nello stesso modo incensurati e recidivi, che hanno una prognosi delinquenziale completamente diversa, viene riferito con molto sussiego (e aria soddisfatta, soprattutto per quella prognosi delinquenziale, appannaggio quasi esclusivo   delle aule  e finalmente approdata agli studi televisivi a sostegno dell’Insostenibile). Senza rovinare la festa al relatore Paniz con l’articolo 3  – sempre quello – o insinuare pulci nell’orecchio sul valore dell’immacolata fedina penale di Al Capone e quella (meno … continua a leggere »

Catalogato in Palazzi di Giustizia | 2 Commenti

Controvertice! (les peuples d’abord, pas la finance)

Condividi suFACEBOOKTWITTEREMAIL

Catalogato in rise up | Lascia un commento

Sans papiers

Tre campagne elettorali  in Europa – di cui una  presidenziale, cominciata con largo anticipo – e una recente debàcle, sono troppe anche per chi ha attraversato il mare affrontando i rischi che sappiamo. Così anche il permesso di soggiorno provvisorio concesso, negato o osteggiato, torna utile come spot. Qui da noi,  si trasforma in un modo per scaricare su altri paesi qualche migliaio di esseri umani. Altrove, le arcinote clausole – la Francia e la … continua a leggere »

Catalogato in Guerra e pace | 3 Commenti