Quel pasticciaccio brutto al tavolo del lavoro

 

Dirò subito di non aver mai pensato all’ articolo 18 come reale ostacolo agli investitori ma nemmeno che la sua abolizione potesse produrre stuoli di licenziamenti. Ne’ che fosse un baluardo contro l’abuso, ne’ che il reintegro,una volta ottenuto, diventasse una faccenda così impossibile da gestire. Ne’ ho creduto ad alcun altro degli  scenari da tregenda, da chiunque prospettato a sostegno di una posizione ovvero di un’altra  

 

E sempre a proposito di esasperazioni,  dirò  come la pessima gestione del negoziato sulla riforma del lavoro, appuntando l’attenzione quasi esclusivamente sui possibili licenziamenti, tra polemiche,cattiva informazione e dichiarazioni strumentali, abbia solo messo in allarme migliaia di cittadini, estromesso  (tanto per cambiare) dalla trattativa sia la questione delle lavoratrici  madri che quella dell’occupazione femminile, lasciando,infine, irrisolto il problema delle  fattispecie contrattuali in eccesso.

 

Responsabili del pasticcio :  i convenuti. Dal Governo alle parti sociali, tutti scarsamente versati a ricercare la sintesi e incapaci,nella migliore delle ipotesi, di trasformare la rigidità in fermezza.

 

Alla fine della fiera, si vorrebbe eliminare un deterrente  (art 18)  per introdurne un altro (maggior costo del lavoro nei casi di contratti flessibili).Si plaude (giustamente) all’estensione degli ammortizzatori sociali ma i tempi di attuazione sono troppo lunghi e differenziati rispetto al resto, col concreto rischio di  produrre disagi, quantomeno in partenza.

 

La filosofia della riforma doveva essere un’ altra, in quella  la rimessa a punto dell’articolo 18 sarebbe stato un aspetto secondario.Invece ne è divenuto il cuore,il fortino da espugnare o da difendere.A scelta.

 

Diciamo allora di aver sprecato un’occasione, a riprova di qualche vecchio convincimento su certe riforme da non  lasciare in altre mani che in quelle delle forze progressiste. Cambiando velocemente il mondo, la difesa dei Principi non può essere affidata a logiche conservatrici , pena, tanto per non rimaner sul vago, l’ essere costretti a scrivere questa pagina, d’altronde necessaria, della riforma del lavoro, tardivamente, in epoca di recessione e sotto schiaffo di ricatti assortiti. Inevitabile il triplo salto mortale con avvitamento per mantenerli integri quei Principi.E sacrifici per i soliti.

 

Una trattativa che verte su aspetti simbolici  piuttosto che mettere a tema  partite e contropartite, si può dire fallimentare in partenza.E anche questa continua a correre seri rischi.Poichè è possibile che non basteranno gli sforzi e le mediazioni :  il non ricorso al Decreto  che consente la discussione parlamentare o la proposta di trattare il reintegro col sistema tedesco.

 

Una volta in Parlamento servono i numeri.E quelli,a meno di un miracolo, non ci sono.

 

Per una settimana siamo tornati ad essere il paese che eravamo : inconcludenti,ridicolmente, ideologici,resistenti ad ogni tipo di innovazione. Vedremo se la prossima, ci porterà più vicini al paese che speriamo di diventare.

Questo post è catalogato in Nuovo Palazzo. Vai al permalink.

4 Commenti

  1. Rear Window commenta:

    Credo che scriverò qualcosa anche io al riguardo…

    … mi pare che la modifica della normativa sull’articolo 18 non possiede affatto quelle caratteristiche di urgenza a cui l’azione del Governo avrebbe dovuto essere improntata (come da dichiarazioni al momento dell’insediamento del Governo) al fine di far uscire al più presto il Paese dalla crisi. Quindi non si capisce perchè si sia deciso di toccarlo proprio adesso, perdipiù con un’intransigenza inaccettabile…

  2. Sed commenta:

    Perchè lo vuole il PDL e pezzi più o meno consistenti di padronato confindustriale non fosse altro perchè…se non ora quando?Chi sarebbe mai capace di un’ impresa simile?
    In questo caso però la cattiva gestione del negoziato parte da Monti & Fornero, non credo a tutela di chissà quali interessi ma perchè sono convinti che il tutto è destinato a dare risultati.Poi se Monti va in Cina con questa partita risolta,tanto meglio per gli accordi che sottoscriverà.
    In realtà il grosso della riforma va sempre ad incastonarsi nel nostro traballante sistema dove i controlli non ci sono, i tribunali non funzionano celermente e via cantando. Vedremo, intanto perché in Parlamento la si spunti ci vuole il miracolo.E con quale Santo?

  3. jeneregretterien commenta:

    Forse è stato un errore non andare subito alle elezioni (anche con il porcellum). Siamo nei guai e grossi perchè “nessuno ha diritto di veto” tranne il Pdl.

  4. Sed commenta:

    Non credo,una situazione così compromessa avrebbe rischiato di travolgere chiunque se la fosse presa in carico.
    E il porcellum non avrebbe certo aiutato a ricucire i rapporti tre elettori ed eletti.Senza considerare le possibili reazioni dei “mercati” ad una campagna elettorale sull’orlo del baratro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.