Ulcéré….

 

 

Magari Ayrault,in quanto primo ministro, ha esagerato  nel definire minable – patetico –  il Depardieu esule per ragioni fiscali con code di interviste e polemiche a non finire sul cattivo esempio socialista di perseguitare i ricchi costringendoli alla fuga verso paesi dall’erario più condiscendente. Come la Russia di Putin, non un grande esempio di democrazia ma pronta e generosa a distribuire asilo, passaporti e cariche da ministro della cultura al primo Gérard che passa.

 

Tutta colpa di quello che in Francia avevano chiamato contributo eccezionale di solidarietà. Sarebbe consistito – dopo il parere negativo della Consulta che ne ha evidenziato la mancanza di progressività, si aspetta la presentazione di una nuova stesura  –   nel tassare una percentuale  pari  al 75% della parte di reddito eccedente il milione di euro. Per soli due anni. Un’una tantum insomma ma talmente intollerabile  da far maturare la decisione di restituire il passaporto con animo esulcerato in lettere d’addio grondanti amor patrio vilipeso e frustrato.


E infatti Gérard, 170 film e due César, in quarantacinque anni  è stato Danton,  Cyrano, Tartuffe, Vatel, Fouchè, persino Obelix. Versatile, eclettico, vagamente sopra le righe ma sempre in perfetta sintonia con lo spirito gallico che è si è detto orgoglioso di incarnare. Il cinema francese gli deve molto.

 

Ma assai di più Gérard Depardieu deve al cinema francese e ai  governi che nei  quarantacinque anni  di carriera si sono susseguiti e che per il tramite di una legislazione modello hanno investito in cultura e in cinema senza mai tagliare un centesimo al generoso contributo di Stato.Nemmeno in periodi di crisi come quello che sta attraversando l’ Europa. Qui da noi,tanto per dire , attori, registi sceneggiatori una simile attenzione  se la sognano.Qui da noi, Gérard non avrebbe realizzato nemmeno la metà della sua straripante filmografia.

 

 

E allora, quale miglior gesto patriottico di un artista che restituisce al proprio paese un po’ della fortuna che quello stesso paese gli ha consentito di mettere insieme? Più opportuniste che minable, Obelix preferisce una carriera da être libre che desidera rimanere poli e questo non gli si può che augurare,  in particolare nel paese delle spropositate ricchezze,del bavaglio alla libertà di espressione e del carcere ai dissidenti.

 

 

 

Tristissima immagine AFP da Libération

 

 

 

 

Questo post è catalogato in Élysée, La fabbrica del cinema. Vai al permalink.

4 Commenti

  1. Rear Window commenta:

    Mah… mi pare una ben triste vicenda quella di Depardieu. In un momento di grave crisi economica mi pare sacrosanto che siano le persone più fortunate a dover farsi carico di un peso maggiore.

  2. Sed commenta:

    Depardieu è un sostenitore di Sarkozy della prima ora.Come del resto la Bardot.Altra richiedente asilo.
    Solo che dice male ad entrambi,visto l’ospite che si sono scelti.Brutto colpo all’immagine internazionale.

  3. jeneregretterien commenta:

    i francesi gliela faranno pagare. Sciovinisti come sono diserteranno l’Obelix

  4. redpoz commenta:

    …ah, quel bravissimo attore russo!

    a me sembra che l’aggettivo scelto da Ayrault si addica bene alla situazione. anche se magari per un primo ministro non è il massimo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.