I poeti che strane creature

quadriga palazzaccio

 

 

 

…..ogni volta che parlano è una truffa (?)

 

 

Qui non troppo strane e nemmeno brutte come avrebbe voluto  lui prima dei rimbrotti del  co-autore che trasformò bruttezza in stranezza.Meglio.Le storie di ieri sono una gran  canzone.

 

Tuttavia il poeta  dice cose importanti e in parte condivisibili  seppur  precedute da una scelta – Monti alla Camera e Bersani al Senato –  non troppo limpida né in armonia con la descrizione  di quella identità a sinistra individuata nella tutela degli ultimi e nella redistribuzione.Se fosse andata come da poetica indicazione elettorale, ci sarebbe stato solo un partner di governo più presentabile ma non meno problematicità nell’eventuale alleanza.

 

E dunque non meno travagli dati da ciclabili, slow food, no tav e nostalgie  novecentesche : tutto un bagaglio di cui forse liberarsi,salvo che dietro ad ognuno di questi sinistri  sentimentalismi  non ci sia, per molti, una sofferente riflessione .Rispettabile perché dialettica e non solo da straccio delle vesti o delle tessere.Rispettabile nel tentativo,al di là delle mode e delle chiacchiere, di connettere diritti ed  esigenze con il mondo che cambia, ridisegnando un’ identità di sinistra.Laddove identità non abbia il deprimente significato di  tronfia supponenza e trombe del giudizio,antagonismo a tutti i costi e negazione della realtà.Questi siamo noi,questo spesso c’è dietro lo stereotipo dì qualcosa di sinistra.(in effetti sarebbe tempo di cambiare battuta e film)

 

Così nella febbrile attesa degli Eccellentissimi Giudici e di una sentenza che difficilmente cambierà – come si vorrebbe – la rotta della Storia, siamo tutti arrabbiati perché il mondo che volevamo non è stato e forse non sarà : del pane e delle rose manco l’ombra e non parliamo poi della risata che avrebbe dovuto seppellire chi se lo fosse meritato. Quindi è comprensibile ogni disappunto, poetico e non .Impegnati come siamo a fare in modo che qualunque critica non venga assorbita dal Blob diventando paradossalmente fisiologica al Sistema,ascoltiamo i poeti con rispetto, quindi impedendo ai  nostri  cuori  di essere rapiti dai mille profeti e dai quattro cantanti di un’altra canzone.

 

 

nell’illustrazione la quadriga del Palazzaccio (Eccellentissimi,sferzate i cavalli!)

 

Questo post è catalogato in Democratici. Vai al permalink.

4 Commenti

  1. pyperita commenta:

    Scrivi davvero bene.

  2. Sed commenta:

    Parafrasando Goffredo Reichlin -anche lui ha concesso un’intervista nello stesso giorno di De Gregori – “un impasto di storia, idee, passione non separabile dalla vicenda di una democrazia difficile”,questo dovremmo andare a ricostruire.
    Ma un ultraottantenne in epoca di rottamazioni chi vuoi che lo stia a sentire?Che lo rituitti,che lo linki,che lo commenti?

    Grazie.Quando tutto il tuo lavoro se ne va in parole – per convincere,precisare,puntualizzare – capita che l’allenamento renda la scrittura più intellegibile.
    Tutto lì.
    Scrivere è altro.

  3. Rear Window commenta:

    A parte l’unirmi ai complimenti fatti da Pyperita, direi che il punto è proprio quello di ridefinire un’identità di sinistra che stia al passo con i tempi, sicuramente differenti rispetto a quegli Anni 70 di cui immagino De Gregori senta un pò di nostalgia. Anche per me la sinistra dev’essere (anche)individuata nella tutela degli ultimi e nella redistribuzione. Però gli ultimi di oggi sono molto diversi dagli ultimi di allora. La nostra società è cambiata. Per molti versi abbruttita rispetto ad allora. E la soluzione non può essere solo politica, ma in primis culturale.

  4. Sed commenta:

    Ecco.Così capiscono come ci si sente quando crolla un Muro.Un po’ liberati,un po’ impensieriti.Un po’ scemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.