Che bello chiamarsi Ettore

Venezia 2013 che-strano-chiamarsi-federico-il-maestro-ettore-scola-sul-set-del-film-su-federico-fellini-281344

 

 

 

 

Documentario più fiction per non farsi mancare nulla di un Tempo,di un Paese e di un Cinema di grandi prospettive. Fondali di cartapesta  a sollecitare una Memoria senza buttarla in nostalgia. Stile asciutto – un album di fotografie, fiori secchi e una mosca schiacciata – cinismo e ironia (ma poi nelle sale tutti con gli occhi lucidi, dal Capo dello Stato al Venerato Editorialista )

 

Che bello chiamarsi Ettore e da  pensionato continuare a occuparsi  di Tutto  coordinando giurie popolari  e proteste ai festival, promuovendo candidati alle Primarie  e, a scappatempo,  tornare a  fare cinema, celebrare un amico parlandone da vivo e infine liberarlo da una condizione insopportabile : via a gambe levate dal teatro cinque, occasionale camera ardente,inseguito dai due carabinieri del picchetto d’onore in alta uniforme.Dedicato a Federico Fellini nel ventennale della  sua – del tutto apparente – scomparsa.

 

 

 

 

 

 

 

 

Che strano chiamarsi Federico! è un film di genere drammatico,documentario della durata di . diretto da Ettore Scola e interpretato daTommaso LazottiMaurizio De SantisGiacomo LazottiGiulio Forges DavanzatiErnesto D’ArgenioEmiliano De Martino.

Prodotto nel 2013 in Italia e distribuito in Italia da Bim Distribuzione il giorno.

Questo post è catalogato in La fabbrica del cinema, Venezia 2013. Vai al permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.