Pronte?

Comunque la si pensi, lo scompiglio nelle file dell’avversario è sempre un’opportunità da cogliere. E che oggi  siano personaggi come Giovanardi,  Cicchitto, Alfano o Lupi a favorire un passaggio indispensabile per qualsiasi cambiamento, poco conta. La ribellione al Padrone del Vapore merita rispetto. I Distinguo verranno poi.

 

Se le cose andranno a verso, si sarà consumato un evento epocale : la fine del berlusconismo, diversamente una frattura si è comunque evidenziata.Forza Italia  perde l’ennesimo pezzo e resta nelle mani della componente più integralista e, manco a dirlo, meno politica.

 

Starà ad Enrico Letta tirare fuori il buono da questo pasticcio, evitando scrupolosamente  di affidare il futuro a maggioranze raccogliticce, effimere o di fortuna ma questo può accadere solo quando, con inequivocabile linguaggio, avrà disegnato un ruolino di marcia preciso e se, in conseguenza di ciò, i transfughi vorranno costituirsi come forza politica organizzata. Siete pronte, colombe?

 

 

 

 

 

 

Questo post è catalogato in Nuovo Palazzo. Vai al permalink.

3 Commenti

  1. Rear Window commenta:

    Con una giravolta degna del miglior acrobata berlusconi vota la fiducia a Letta, cercando di rincorrere i dissidenti. E’ una mossa che in qualche misura lo tiene ancora in gioco anche se ne sancisce la debolezza politica. Ora bisogna vedere cosa faranno i transfughi: se andranno avanti senza voltarsi o se rientreranno sotto l’ombrello berlusconiano…

    • Sed commenta:

      Una parte aveva detto da subito che non sarebbe entrata in FI,credo che l’idea del gruppo autonomo sarà mantenuta almeno da costoro.Certo che giravolte…pur di non perdere la partita…

    • redpoz commenta:

      mah, lo tiene ancora in gioco… a me pare quasi più perso che se si fosse spaccato il PDL/FI… adesso appare veramente succube di altri, l’impatto simbolico è enorme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.