Un pensiero per Theo

Theo lo sguardo vlcsnap-2012-06-15-23h43m15s129Una chiatta attraversa il Danubio trasportando i tronconi di una gigantesca statua di Lenin prelevata da chissà quale piazza e destinata a chissà dove e chi .Passa  dunque sotto ai nostri occhi la metafora del tutto esplicita di un’altra frantumazione che il protagonista, il regista A. puntualmente annota come tappa del suo viaggio alla ricerca delle bobine di un film girato dai fratelli Manakias.Dalla Macedonia attraverso i Balcani terminando in una  Sarajevo spesso immersa nella nebbia : un film malinconico e pieno di nostalgia proprio come immaginiamo dovesse essere  lo Sguardo di Ulisse acuto e perso in una ricerca tra passato e  futuro.

Premiato a Cannes 95 con il Gran Premio della Giuria,Interpretato da Harvey Keithel  e Erland Josephson che sostituì Gianmaria Volontè morto d’infarto durante le riprese.

La parola di Theo Angelopoulos, oggi più che mai, ci manca.

 

Lo sguardo di Ulisse è un film di Théo Angelopulos. Con Harvey KeitelErland JosephsonMaia Morgenstern Titolo originale To vlemma tou OdysseaFantasticodurata 130 min. – Grecia, Francia, Germania, Italia 1995

Questo post è catalogato in La fabbrica del cinema. Vai al permalink.

3 Commenti

  1. Lilas commenta:

    OT : Sed, la piattaforma dove avevo il mio blog, pare sia naufragata…. Con una chiatta tipo Ulisse, ho trasportato tutto il mio fardello e le mie fuffe di dodici anni di blog, più pesanti della statua di Lenin, evidentemente… ;-).

    Chiaramente è cambiato l’indirizzo del mio blog!

    A presto!! ;-)

    Liana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.