E adesso spogliati (liberté égalité décolleté)

burkini 2

In qualunque modo si chiami  la tenuta con cui la signora qui sopra ha inteso stare in spiaggia,  è evidente che i tre gendarmi, pistola alla cintola e sfollagente in spalla, le stanno intimando di spogliarsi.

Nel terzo millennio si cambia verso: dopo la disapprovazione, le  multe e le ordinanze contro le scollacciate, gli ombelichi al vento e le gambe in mostra, il Nuovo Corso impone la nudità in spiaggia con tanto di forze dell’ordine schierate a tutela della Libertà, dell’Integrazione, della Laicità e di non so cos’altro.

Combattere le costrizioni,il maschilismo, la società patriarcale e tutto il resto del corredo sarebbe cosa buona e giusta ma diventa un vuoto ed ipocrita esercizio nel momento in cui la cospicua schiera dei Paladini dei Nostri Valori  sostiene a viva forza  la tesi che prendersela con le (eventuali) costrette  sia il passaggio indispensabile  di una  battaglia di civiltà : un po’ come se combattere la Povertà cominciando col  linciare  i poveri, avesse senso.

E così la libertà di scelta che tanto ci preme tutelare, per questa appartenente alla comunità musulmana semplicemente non c’è, non ci sono per lei le condizioni.Non le è data. Ovunque si giri, trova un’Istituzione civile o religiosa che le dice come essere.A partire dall’abito.

L’unica soluzione per tenersi lontana dal  conflitto tra  differenti tipi di imposizione, è starsene a casa (che di tutti i contributi all’integrazione e alla libertà delle donne resta sempre il più efficace)

L’espressione della signora, del resto, non ha bisogno di ulteriori commenti.E non parliamo poi di quella dei gendarmi.

Troppo presto si è dismessa l’unica asserzione autenticamente rivoluzionaria del Movimento delle donne nel secolo scorso : il corpo è mio.

E proprio nel momento in cui sul corpo delle donne e sulla di loro libertà continuano a combattersi  vere e proprie guerre, si è abbandonato quel terreno aprendo varchi a  inappropriate pretese di supplenza, come se qualcuno, ministro o sindaco, potesse incaricarsi di definire e imporre l’altrui modo di essere liberi. O peggio  laici. Laddove laicità ed intolleranza non sono concetti precisamente compatibili.

Lontani i tempi in cui le ragazze saudite, iraniane o egiziane venivano in Europa per studiare e senza che alcuno legiferasse o aprisse dibattiti,  di velo e palandrane manco l’ombra. A riprova del fatto che i metodi coercitivi non hanno mai liberato nessuno.Sopratutto nessuna.

 

 

Foto da The Telegraph

Questo post è catalogato in Donne. Vai al permalink.

2 Commenti

  1. ljac48 commenta:

    Un conto è proibire l’entrata col volto coperto o il casco integrale in Uffici pubblici o Ospedali ecc, ma obbligare persone in burkini a spogliarsi sembra davvero una costrizione assurda!

    Quando sono stata a Sharm, anni fa, nel villaggio c’erano famiglie benestanti del Cairo e anche libanesi.
    Entravano “bardatissime” in piscina e comandavano ai loro uomini di occuparsi dei bambini con un piglio che mi aveva davvero stupita…
    Le immaginavo sottomesse e, invece, loro si spaparanzavano sotto l’ombrellone a ciacolare e i mariti, con lo stuolo di bimbetti/e al seguito, in piscina a giocare a palla, con i bimbi che saltavano loro in testa !!

    Non so se le ho incontrate solo io, nell’estate del 2000 e sicuramente giocava un ruolo fondamentale il loro status economico… ma mi avevano davvero meravigliata!

  2. Paolo commenta:

    Perfettamente d’accordo con il commento precedente. Episodio ameno visto con i miei occhi lo scorso mese a Curmayeur: lei bardatissima con palandrana che le scopriva solo gli occhi, lui in maglietta e bermuda e con tanto di iphone in bella mostra… mah…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.