Standard Operational Bullshit ?

o  Sexually Oriented Business ? Oppure  …..Son of a Bitch ? O più semplicemente lo sconsolato  SOB dei fumetti ?


Non si sa. E  poco conta  dato che ognuna di queste soluzioni dell’acronimo S.O.B.  è adatta a definire  la  più irriverente e crudele  slapstick  contro  Hollywood  che Hollywood rammenti.


Dirige Blake Edwards che di quel mondo aveva ben donde e che  fu trattato anche peggio di come  racconta  nella dissacrante storia del regista famoso  che per riconquistare il box office, vuol trasformare un suo clamoroso insuccesso in una specie di musical pornografico. Un lavoro autobiografico, diranno poi i patiti del classificatore, quelli  che con Blake comunque sono sempre cascati male.

Infatti è assai di più.


Curioso come il regista di Colazione da Tiffany ci lasci una filmografia ancora tutta da scoprire. Sono i lavori che l’establishment  ha ostacolato con ogni mezzo, le commedie più spigolose e fuori dagli schemi, la vera ragione della serie Pantera Rosa, sette film di successo, alcuni dei quali realizzati per poter lavorare al suo cinema.


Che è inclassificabile per quella particolare attitudine di mischiare i generi, di smontarli e rimontarli buttando all’aria qualsiasi codice o schema narrativo.Che è divertente e profondo, acuto e lieve, un bell’esempio di ciò che può fare il cinema nelle mani di un Maestro.


S.O.B. è un film di Blake Edwards del 1981, con Julie Andrews, William Holden, Marisa Berenson, Larry Hagman, Robert Loggia, Stuart Margolin, Richard Mulligan, Robert Preston, Craig Stevens, Loretta Swit. Prodotto in USA. Durata: 122 minuti.

Questo post è catalogato in La fabbrica del cinema. Vai al permalink.

3 Commenti

  1. Rear Window commenta:

    Un altro pezzo di Storia del Cinema che se ne va, lasciandoci sempre più tristi.

  2. jeneregretterien commenta:

    vedo se lo trovo. Mi pare che passò alla storia del cinema come il grande flop

  3. Sed commenta:

    Può essere, di fallimenti ne collezionò parecchi tra cui “Il caso Carey”, “Uomini selvaggi, “Operazione Crêpes Suzette”..
    Era molto amato dai Cahiers e dalla critica con la puzza sotto al naso.Quindi anche da noi giovani.(ex)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.