Guess who’s coming to dinner

Indovina chi viene a cena. E invece di  Sidney Poitier all’inizio della Lunga Marcia  che da Casa Drayton lo porterà diritto alla Casa Bianca, arriva Enzo Jannacci sul viale del Tramonto.

Non meno affascinante. Salvo che come aspirante  fidanzato di una quindicenne, centuplica le perplessità del Matt Drayton di turno e pure quelle del comune spettatore.



Inoltre  la Val d’Orcia nel terzo millennio non è la San Francisco dei 60th, la coppia  è più che mai  liberal, sempre presa da professioni interessanti ma vieppiù problematizzata : e se le mamme imbiancano e i papà straparlano, pure le figlie crescono ma c’è differenza rispetto ad allora.


Tutta colpa dell’educazione permissiva, retaggio di un periodo di grandi trasformazioni in cui ogni cosa si è voluta mettere in discussione e a tutto, per dirla col Poeta, si è voluto dare una risposta.

Tutto, tutto : a cominciare dai Padri. Così almeno interpretano i teorici del (tardivo) schiaffone  del Genitore Assente, già attivissimi ai tempi della Luna di Bertolucci nell’applaudire quel gesto estremo ma salutare per chi lo riceve e parzialmente risarcitorio dell’ Abbandono del Ruolo, ai fini del racconto.


Schiaffone per schiaffone però, si domanda il morboso  spettatore, anche genitori troppo presi da se stessi e impegnati a costruire altri ruoli meriterebbero le botte. Ma, a ben vedere, costoro gli schiaffoni sono soliti darseli  da soli. E l’equilibrio si ristabilisce.


Il troppo clichè è solo apparente in questo film di Castellitto & Mazzantini sul fallimento di certe famiglie forzatamente non tradizionali e anche il rilievo di recitazione sopra le righe, cadrebbe se si pensasse a quanto eccessive, mefitiche e innaturali siano le coppie ( e i single!) di combattenti & reduci che hanno fatto dell’approccio ideologico lo strumento unico per affrontare qualsiasi tema esistenziale. Col risultato che l’estrema inadeguatezza del mezzo porta con sè in termini di confusione, nevrosi e fallimenti.

Non è Non ti muovere (forse irripetibile) ma una dignitosa e divertente commedia della specie all’italiana. Attori bravi come loro solito. Giallini e Jannacci perfetti.




La bellezza del somaro è un film di Sergio Castellitto del 2010, con Sergio Castellitto, Laura Morante, Marco Giallini, Gianfelice Imparato, Emanuela Grimalda, Barbora Bobulova, Lola Ponce, Enzo Jannacci, Svetlana Kreval, Renato Marchetti. Prodotto in Italia. Durata: 107 minuti. Distribuito in Italia da Warner Bros

Indovina chi viene a cena? è un film di Stanley Kramer del 1967, con Spencer Tracy, Sidney Poitier, Katharine Hepburn, Katharine Houghton, Cecil Kellaway, Virginia Christine, Roy Glenn, Beah Richards, Barbara Randolph, Isabel Sanford. Prodotto in USA. Durata: 108 minuti.


Questo post è catalogato in La fabbrica del cinema. Vai al permalink.

3 Commenti

  1. jeneregretterien commenta:

    Buon Natale, ovunque tu sia.
    Un abbraccio
    Claudia

  2. Sed commenta:

    Miracolosamente scampata all’orrendo Christmas pudding.Oh yes.
    Auguri e non esagerare coi fornelli. (Capisci ‘a mmè)

  3. jeneregretterien commenta:

    ti dirò… s’è aperta una nuova parentesi. Ora faccio la parte della consuocera, per cui le cucchiarelle passano ai gggiovani.
    E dopo decenni di spiattamenti e rigovernance, vedere altri spiattare e rigovernare non ha prezzo… e non ci serve neanche mastercard.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.