Götterdämmerung (dall’esito incerto)

Parteciperei volentieri ad una Giornata dell’Insofferenza,  sentimento meno blasonato dell’Indignazione ma diffuso e trasversale come i  SI referendari e i No  a fatiscenti gestioni amministrative di qualche settimana fa. Vale per la protervia (e le liste di nozze) di certi ministri, per le agendine di Pontida con tanto di ultimatum,  scadenzario e conto della serva, ma vale anche per i conduttori in tuta da (altrui) lavoro, i sindaci che bevono a garganella acqua – divenuta pubblica – da fontane zampillanti,  i governatori con l’eloquio evocativo pronta cassa e le Divine che si fanno prendere le impronte digitali per solidarietà con i poveri cristi.


Il termine populismo – più due ministeri qua, meno qualche missione ONU o NATO là, diminuisci i parlamentari e rottama le auto di servizio, istituisci il senato federale e taglia le tasse e così via delirando –  oramai non basta più a definire l’air du temps, quantomeno non rende al meglio le componenti di burinaggine,  sciatteria  e inutilità ad affrontare anche la più piccola  contingenza di certe ricette buttate lì come l’osso al cane.

Beati i tedeschi che con i sostantivi composti riescono a stipare  le parole di concetti. In questo caso ci sarebbero anche imbroglio e falsificazione da aggiungere, ma con la lingua italiana si può far poco, le perifrasi sono indispensabili.

Dunque i colpi di coda, la classe dirigente sul far del declino, se li gioca in chiave di boutade e incartapecorite proposte – sempre quelle – incurante dell’Indignazione e della ribellione civica che hanno animato le consultazioni ultime scorse. Tanto poi tutto finisce nell’imbuto del dibattito parlamentare con fiducia accordata, grazie ai responsabili, compagine allargata a ben oltre gli Scilipoti.


Si galleggia. Le Camere non rappresentano più il Paese, l’incanto amoroso si è rotto  e mentre in Aula ci si compiace della tenuta, nella piazza antistante sgomitano  manifestanti di varie categorie che la polizia puntualmente carica. Più rappresentazione plastica di così.


La parabola del declino non è mai faccenda che si consuma in pochi attimi, tuttavia il contrappunto dei giudizi e delle iniziative delle agenzie di rating e le  nuovissime intercettazioni – lobby faccendieri e politica – disegnano un quadro ulteriormente tragico : da una parte un’economia disastrosa cui nessuno ha veramente intenzione di metter mano, dall’altra il totale disprezzo di qualsiasi regola. E in mezzo noi che, indignati o insofferenti, avremmo tutti bisogno di respirare un’altra aria (du temps).

Se sia o meno arrivato il momento che l’anello torni in mani sicure, non è dato prevedere. Nel frattempo – indispensabile misura – vorrebbero togliere di mezzo la pubblicità delle intercettazioni.Una grave perdita ai fini del Racconto – romanzo ? – di questo paese.





Questo post è catalogato in Palazzo. Vai al permalink.

8 Commenti

  1. Battista commenta:

    Vogliamo parlare del Sistri ? Comunque possiamo fare a meno delle intercettazioni, così ci risparmiamo la nausea…

  2. Sed commenta:

    Facciamo a meno anche delle indagini, già che ci siamo e, a seguire, di tribunali e Giustizia che così oltre alla nausea si risparmiano un sacco di soldi tout court.
    Per i casi gravi, basteranno i mediatori giudiziari.
    Sulla piazza principale del paese nelle giornate di mercato, accanto a quelli del bestiame.

  3. jeneregretterien commenta:

    la politica dello struzzo adottata dalla popolazione che non vuole sapere

  4. Sed commenta:

    Nel frattempo la decisione di De Magistris di ricapitalizzare l’Asia, mi pare un faro di luce nel buio della notte.
    Peccato che subito dopo è salito su un camion dei Rifiuti e lo ha pure guidato.
    E allora ditelo che volete farmi cadere le braccia.

  5. jeneregretterien commenta:

    perdona. Il napoletano contiene dentro sè l’arte del teatro. E Giggino non è da meno, come vedi: prima il ballo al gay pride e poi conducente di compattatore.
    E’ da dire che gli uomini dell’Asìa non si stanno risparmiando, lavorano in condizioni durissime con le auto a parcheggio selvaggio.

  6. Sed commenta:

    Non è quello, anche la Clinton marcia ai Gay Pride (da una vita però,va detto) ma essendo segretario di stato,si guarda bene dal guidare i tank.
    Quanto al teatro,il mio lato vesuviano conviene, con l’aggiunta però di passare dalla commedia, alla tragedia, al musical con estrema disinvoltura.Il che qualche volta spiazza e qualche volta aiuta,dipende dal dosaggio.

  7. jeneregretterien commenta:

    De Magistris, uomo dalle mille risorse.Ora si mette in posa per Toscani con un sacchetto in mano. Che ci riserva ancora domani? Per ora ha riconfermato il capo dei vigili schiaffeggiatore.
    http://napoli.repubblica.it/cronaca/2011/06/30/foto/oliviero_toscani_fotografa_de_magistris_con_la_monnezza-18421662/1/?ref=HREA-1

  8. Sed commenta:

    Carina quella del sacchetto che pare confezionato da Gucci mentre una voce fuori campo redarguisce : Giggì ma che t’hai mise ‘ncuollo ?
    (inelegante ma simpatico nella sua tenuta distrattual)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.