Io sono neorealista. Io pensavo stronzo

C’è qualcosa di risaputo nelle ambientazioni e forse anche nella trama di questo film che Francesca Archibugi ha tratto dall’opera prima di Umberto Contarello –  già sceneggiatore di Mazzacurati, Salvatores, Amelio, Placido, Piccioni –  Una questione di cuore. Di sicuro gli esterni pasoliniani, il Pigneto il Mandrione, Torpignattara e la Borgata Gordiani, luoghi del neorealismo trasformatisi, nel corso del tempo, in quartieri di tendenza ma anche l’asimmetria dei due mondi a confronto, quello del carrozziere e dello sceneggiatore che s’incontrano in un reparto di rianimazione, un luogo dove le questioni di cuore non nascondono complicate metafore.

Nulla di tutto questo però, prende pieghe narrative che possano definirsi scontate. C’è invece un dato di autenticità nel riferire  come i due, dagli antipodi,  affrontano la paura, il ritorno alla normalità e in definitiva il mondo, senza però sbilanciamenti da una parte o dall’altra, anzi mettendo a profitto il racconto proprio l’amicizia – ovvero la scelta di affrontare insieme il dopo infarto -  come prezioso e delicato  punto di equilibrio.

Kim Rossi Stuart, Antonio Albanese e Michaela Ramazzotti meritano di fare incetta di premi e riconoscimenti per il tocco leggero, il ritmo, la complicità di sguardi, le pause di una recitazione che, senza sbavature ed eccessi di sorta, conferisce  ai personaggi tutto quello di cui hanno bisogno : realistica ed intensa fragilità.


Questioni di cuore è un film di Francesca Archibugi. Con Antonio Albanese, Kim Rossi Stuart, Micaela Ramazzotti, Francesca Inaudi, Andrea Calligari  Drammatico, durata 104 min. – Italia 2008. – 01 Distribution

(Carrozziere era Accattone, carrozziere è Angelo. Pasolini, a dispetto dei cambiamenti, aleggia ancora in quei luoghi e anche questo è risaputo)

Questo post è catalogato in La fabbrica del cinema and tagged . Vai al permalink.

15 Commenti

  1. jeneregretterien commenta:

    la storia è simile a quella di un altro bel film, Uno su due di Cappuccio con Fabio Volo. Lì se la giocano i due protagonisti, Volo e uno splendido Ninetto Davoli.

    Appena torno vado a vederlo, qua il cinema è il classico lenzuolo steso al castello per le proiezioni estive, poi c’è il nulla.

  2. lilas commenta:

    E mettiamo in lista tutte le recensioni ( in attesa del passaggio su sky).

    Ma, non c’ entra, come mai le immagini si sono di nuovo “ingrassate” e debordano peggio della sottoscritta? ( Me ne accorgo, perché sono sensibile a tutte le dilatazioni…..;-DDD)

  3. sedlex commenta:

    Vuoi dire che ci sono sovrapposizioni ? Le immagini hanno tutte la medesima grandezza adesso e questo template è stato commissionato appositamente contro i debordi.Uff.

  4. sedlex commenta:

    La verità, vi prego, sul template.

    Jenè vuoi dare un’occhiata ?

    Invece di fare la gentildonna campagnarda.

  5. jeneregretterien commenta:

    si, le foto si accavallano al menu di destra.

    La colonna centrale è più piccola e non le contiene. O riduci le foto alla misura della colonna del post o allarghi la colonna. Forbicetta che dice?

  6. sedlex commenta:

    guarda ora…

  7. jeneregretterien commenta:

    tale e quale

  8. sedlex commenta:

    E’ stata fatta una modifica al calendario e aumentata la distanza tra il titolo del blog e il primo post, non capisco, ieri andava….

    Adesso?

  9. jeneregretterien commenta:

    ci sono sempre le foto accavallate. Secondo me devi aver ristretto la colonna centrale, quella dei post. Guarda le misure sul template originale

  10. sedlex commenta:

    Io non ho fatto nulla veramente e manco so confrontare la colonna centrale vabbè metto il precedente e buona notte.

  11. sedlex commenta:

    Ora siamo tornati a due giorni fa.

    Se non va bene manco così, la colpa è di Ramazzotti Michela in Virzì e di Rossi Stuart Kim.

    Detto Kimbo.

  12. jeneregretterien commenta:

    ma infatti i giorni scorsi andava bene.

    Da qua non posso aiutarti. Torno venerdi a casa, magari prova a inviarmi il template sulla e-mail, da casa provo a vedere dove è cambiato. Qua non è possibile, neanche si apre la posta, figurati scaricare un allegato.

  13. sedlex commenta:

    ma no, non ti disturbare, la manutenzione è compresa nell’accordo.

    La cosa che mi scoccia è che io vedo tutto normale, da tutti i pc della mia vita.

  14. jeneregretterien commenta:

    io ho l’eepc con Mozilla qua e si vede così, accavallato.

    Poichè ho Linux non posso provare con Explorer.

    Ma pare che anche Lilas lo veda incasinato, quindi non dipende solo da me.

  15. sedlex commenta:

    Boh domanderò lumi ma non c’è motivo…questa è la versione precedente…quella che non ha mai dato problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.