I manettari

Marco Travaglio su Repubblica del 25 luglio denunzia i presunti benefici che l’ indulto procurerebbe ai responsabili di inquinamento da amianto e di altre cause di morte e malattia tra i lavoratori.Lo stesso indulto poi potrebbe essere responsabile,secondo Travaglio,  del mancato risarcimento alle vittime nonchè di “mandare in fumo il maxiprocesso” contro i boss svizzeri e italiani dell’Eternit.C’è di più : “grazie all’amnistia di 5 anni, annunciata per la ripresa autunnale, non verserebbero nemmeno un euro alle vittime e ai loro familiari.L’articolo ,ancorchè contenga una serie di falsità e l’annuncio di una prossima ammnistia che non risulta essere nelle intenzioni o nel calendario del governo (in autunno poi…) ,ha avuto un forte impatto nel dibattito della sinistra, tanto che nella giornata tra ieri l’altro e ieri , si sono sprecate le smentite e le precisazioni, di cui un paio,autorevoli, direttamente dall’aula di Montecitorio.Dunque oramai lo sanno anche i sassi che l’indulto non estingue il reato,tantomeno annulla gli eventuali  risarcimenti e che i processi di cui parla Travaglio si devono ancora,per la maggior parte, celebrare.Spiace, anzi no :fa proprio incazzare che il Fronte Manettaro per catturare l’attenzione dei lettori e la loro eventuale opinione contraria al provvedimento di clemenza,debba ricorrere a effettacci  da  Grand Guignol e non risparmi di spargere allarmismo e aspettative di ammnistia nei parenti di quelle vittime.Ma quello che davvero indigna è che da questo nobile dibattito, sia completamente assente la condizione disumana delle carceri e la sorte dei poveretti,degli immigrati che subiscono con la loro sofferenza una pena aggiuntiva.Rispetto a questo i 66 che otterrebbero uno sconto con l’indulto e che  difficilmente andrebbero in galera (Cesare Previti è già nella sua casa di piazza Farnese ,ai domiciliari  con quattro ore di libertà al giorno) non possono costituire gli epigoni di una catastrofe morale.

Questo post è catalogato in Palazzi di Giustizia. Vai al permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.