Tag Archives: oscar 2009

Hannah

  Un film che non è nella prospettiva della vittima corre sempre  grossi rischi. E’ dunque un buon segnale che l’Academy abbia superato le feroci polemiche che ne hanno accompagnato l’uscita, conferendo il premio ad un’ interpretazione intensa e determinante. Siamo forse al tramonto di certo moralismo di lettura – e non è ai rilievi di presunto  voyerismo pedopornografico che alludo –  Se così fosse, questo premio avrebbe più significato di quello attribuito a Sean Penn per Milk . Altro segnale … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged | 1 Commento

Di poche parole

  Primo, non dar retta agli americani che intorno a questo film hanno montato un caso che non finisce più, per le scene erotiche, la giovane età di lui e quella più matura di lei. Esagerati. E moralisti senz’appello. Secondo, non dar retta alla critica di casa nostra che ha tacciato The Reader di essere un lavoro ambiguo e melenso. Di ambiguità fino ai limiti del fastidio – e comunque sarebbe un disagio che dovremmo tenerci ben stretto – non potrebbe … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged , | 10 Commenti

..under unusual circumstances

My name is Benjamin Button and I was born under unusual circumstances. While everyone else was agin’, I was gettin’ younger… Ci sono voluti Mark Twain, Francis Scott Fitzgerald, un – ma solo all’apparenza – insospettabile  regista, uno sceneggiatore di razza e un cast incredibile – basti leggere la sfilza di nomi in calce –  oltre che un budget da capogiro, per mettere insieme queste tre ore di autentico Cinema . Come dire, la mano del cielo. Artificioso, paradossale, … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged , | 2 Commenti

Why would I want to talk to David Frost?

Da storica intervista televisiva, a pièce teatrale  di successo, a film,  ritrovando il racconto, in quest’ultima trasformazione, un brillante condensato di tre differenti generi. Consacrato da cinque nominations di quelle pesanti, including the best picture, come avvertono le locandine e i trailers, omaggio alla fatica di mettere in scena, lo storico match  in cui David Frost, anchor inglese privo di qualsiasi credito politico, incalzò talmente Richard Nixon, unico presidente degli Stati Uniti ad essersi dimesso,  da indurlo ad ammettere per la prima volta in pubblico le sue responsabilità … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged , | Lascia un commento

Sister Meryl, Father Philip

    L’unico dubbio che non rimane dopo la visione di questo cupo e claustrofobico film, è che L’Academy possa esimersi dal rifilargli – vista anche la scariolata di nominations –  qualche statuetta. Per il resto, in omaggio al titolo,  gl’interrogativi si susseguiranno dal primo all’ultimo fotogramma, senza tregua. Andatura classica, classicissima – ma non per questo vecchia – secondo un filone Hollywoodiano che a quanto sembra di capire, torna a prendere piede – Valchiria, Appaloosa etc – e tutto … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Oscar 2009 | Tagged , | 4 Commenti