Archivi catalogati in: Se ne sono andati

Adieu petite enervé ( ma plus belle histoire…)

Youkio Mishima dopo averlo incontrato a Tokio disse di lui che aveva nervi d’acciaio ma è possibile che alludesse alla capacità di Yves di affrontare il suo male de vivre con consapevolezza e dignità. Adesso che se n’è andato il più intellettuale dei coutourier francesi, fioriranno le biografie sulle origine algerine, sull’infanzia violata, su quella partenza per fare il militare in Algeria che gli costò un’interruzione della carriera e  l’ospedale psichiatrico. Al di là della nutrita annedottica, di lui … continua a leggere »

Catalogato in Se ne sono andati | Tagged | 1 Commento

Giglia

Ho imparato tre cose. Dal PCI  che NOI è più importante di IO. Quando sento qualcuno parlare sempre di sé,ho una reazione allergica.Da mio marito che bisogna guardare al futuro,alle cose che ancora vanno fatte,a ciò che deve ancora succedere.Dal movimento delle donne  che bisogna partire dalla propria esperienza,che questa è una risorsa insostituibile. Giglia Tedesco Giglia Tedesco ha seduto nell´aula del Senato dal 1968 fino al 1994, occupandosi in particolare di Giustizia e di … continua a leggere »

Catalogato in Se ne sono andati | Tagged | 1 Commento

Guardare, Inquadrare,Filmare

Hai visto l’Eclisse?Io ci ho dormito.Una bella pennichella.Bel regista Antonioni.C’ha una Flaminia Zagato.Una volta sulla Fettuccia di Terracina m’ha fatto allungà il collo. Michelangelo Antonioni non ha mai perdonato a Dino Risi questa battuta tratta dal film Il Sorpasso, dal canto suo Risi ha sempre risposto che quell’espressione era strettamente funzionale alla sceneggiatura :serviva a meglio definire la superficialità  del personaggio interpretato da Gassman . Al di là delle antiche ruggini (ogni film di Antonioni era puntualmente celebrato dalla critica, … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Se ne sono andati | Tagged | 4 Commenti

La lanterna magica

Bergman metteva in riga i miei migliori (e scomposti) istinti di spettatrice.I suoi film non lasciavano molto spazio alla fantasia, ne’ alla riflessione, ne’ alla fuga .Faceva, diceva, esprimeva tutto lui .Ogni volta – che rabbia – era sufficiente sedersi e guardare.E ogni volta l’intreccio consueto: immagini e dialogo in perfetta alchimia, risultavano esaustivi. Cos’ altro si sarebbe potuto aggiungere a Sinfonia d’autunno a Fanny e Alexander al Settimo sigillo a Scene da un matrimonio o al Posto delle fragole? Proprio nulla . … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema, Se ne sono andati | Tagged , | 6 Commenti

Benvenuta nella gabbia delle scimmie

Faccio lo scrittore dal 1949.Sono un autodidatta.Non ho teorie sulla scrittura che potrebbero essere di aiuto agli altri.Quando scrivo divento semplicemente  ciò che sembra che io debba diventare.Sono alto sei piedi e due pollici e peso circa duecento libbre e non sono molto coordinato,se non quando nuoto.Tutta quella carne presa a prestito scrive.  Kurt Vonnegut Prefazione (ed autopresentazione) alla raccolta Benvenuta nella gabbia delle scimmie La stupidità della burocrazia e l’ottuso sadismo del potere hanno … continua a leggere »

Catalogato in Se ne sono andati | Tagged , , | 2 Commenti