Qualunque cosa significhi famiglia

ramazzotti-nastri-arcobaleno_980x571

(Una coppia è una coppia).Non ci sono differenze né graduatorie in merito ad esigenze di tutela o di cura nella famiglia formata da Giorgio e Ugo, Giovanna e Giuseppina, Mario e Maria.Non ci sono nelle coppie omosessuali dinamiche così straordinarie o curiose (anche la noia, incredibilmente,è la stessa)  da impensierire il legislatore meticoloso.

 

(Un figlio, comunque generato, è un figlio) : ha bisogno di figure genitoriali  cure, amore, rassicurazioni,asili, scuole palestre e piscine. Maternità e paternità  sono fatti sociali.

 

E in qualunque lingua vogliamo chiamare l’istituto che renderebbe, a tutti gli effetti,
 un figlio, figlio del  genitore non biologico, l’iter di adozione non può conoscere ostacoli  dati da sentimenti fobici o da idiosincrasie per presunti incoraggiamenti di surroghe materne gratis o a pagamento.L’unica ricaduta dell’assenza di  regolazione è il caos e l’unica surroga da evitare accuratamente e che le Corti, in mancanza di indicazioni precise, sostituiscano il legislatore.

 

(Un diritto è un diritto ) Hanno ragione i detrattori della Legge Cirinnà a sentirsi circondati,  in qualche misura lo sono davvero ma questa considerazione che nasce – pensa te – da Elton John,prosegue con Nicole Kidman e approda a traveggole senatoriali  di baci tra uomini in Tribuna, piuttosto che sollecitare suggestioni  omofobiche, dovrebbe suggerire letture più razionali. Ovvero che le numerose presenze percepite come inquietanti o minacciose, altro non sono se non l’indizio sicuro di una mutazione degli assetti  cui il legislatore non può sottrarsi pena veder svilito la propria fondamentale missione di accompagnare i cambiamenti con opportune misure.Tenendo conto che il riconoscimento di un diritto non riguarda solo l’esistenza di chi ne usufruisce ma reca benefici all’intera società.

Cinquecento ( mal contati probabilmente) ragazzini aspettano di veder riconosciuto un diritto elementare.E noi,qualunque cosa significhi famiglia, aspettiamo insieme a loro che la società in cui viviamo diventi più attenta.E più giusta.

 

 

Nell’illustrazione Eros Ramazzotti sventola nastri arcobaleno a Sanremo 2016 (data la vastità della platea e il bisogno che si ha di parlare alle persone) un’iniziativa lodevole

 

 

Questo post è catalogato in Palazzi di Giustizia. Vai al permalink.

5 Commenti

  1. emmeggi commenta:

    E vai Renzi

    • Sed commenta:

      Passerà la legge grazie alla determinazione,la sfacciataggine e la protervia dei nuovi arrivati..quando ce vò ce vò.
      Poi quelli del Mulino Bianco ci trascineranno in un referendum.Che vinceremo. Grazie alla superiorità degli elettori rispetto ai propri rappresentanti.Come al solito. Il peggio,ad ogni buon conto, deve ancora venire. E comunque posso testimoniare che gli strilli dei coniugi arcobaleno (vicini di casa) sono esattamente gli stessi di quelli dei coniugi Mulino Bianco (vicini di casa anche loro).Ergo se piace a tutti questa bicicletta…perché impedire la pedalata?

  2. Rear Window commenta:

    Mi pare che senza la stepchild adoption la legge perda il suo pezzo più importante e significativo. Peccato, perchè si è persa la possibilità di dimostrare che – almeno in qualcosa – l’Italia può diventare un Paese moderno e civile. Hanno vinto i poveretti che parlano di “contro natura” e che continuano a dettare le loro imposizioni pur rappresentando il 2% dell’elettorato. Ennesima figuraccia di tutta la nostra classe politica, senza alcuna distinzione.
    I tanti che sono scesi in piazza per ridurre i diritti altrui, mi ricordano i bianchi americani che negli Anni 60 intendevano impedire l’accesso ai diritti elementari per i neri. Verranno spazzati via dalla Storia, anche se probabilmente bisognerà aspettare ancora almeno 10/20 anni…

    • Sed commenta:

      Non mi sembra ci fossero alternative.Il che dimostra ancora una volta la fragilità del sistema attuale in cui un combinato di veti,ricatti e ripicche impedisce – ha impedito per anni! – un normale svolgersi dell’attività parlamentare.
      Da Alma Cappiello (1988) a ieri l’altro, un sentimento omofobo profondo ha prevalso sul senso di giustizia.La legge che è passata è comunque importante per quel che dice e per quel che significa.Facciamo bene a richiederne il completamento con un buon testo sulle adozioni ma non dimentichiamo che il clima che s’era stabilito rischiava di compromettere l’intero impianto.Personalmente ritengo la maternità in surroga, se opportunamente regolata, un istituto di civiltà e due padri o due madri la miglior soluzione rispetto a qualunque orfanatrofio.Tutta questa pippa di figli strappati al seno della madre e di famiglie disfunzionali solo perché composte da genitori dello stesso sesso è vomitevole prima ancora di essere indizio di malafede e inciviltà.
      Chi ha vinto ?Oh beh non siamo al campionato di calcio.E come per divorzio e interruzione di gravidanza – altre battaglie durate secoli con scontri anche peggiori e più violenti – ride bene chi ride per ultimo.

  3. ljac48 commenta:

    La legge è passata!
    E i “benaltristi” a commentare “Epperò s poteva fare meglio!”
    Noia infinita…;-).
    Ciao Sed, sei in partenza per Cannes?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.