Non lamento di reduci ma grumo di vissuto

 

 

pietro-ingrao

 

Speriamo sia davvero così e che nel ricordare la figura di Pietro non se ne tralascino le contraddizioni e l’emblematica vicenda poiché anche gli aspetti meno patinati – dall’Ungheria al voto favorevole all’espulsione del gruppo dissidente del Manifesto –  inseriti nel complicato contesto della storia del Partito Comunista Italiano e della sua Dissidenza interna costituiscono un prezioso contributo alla comprensione delle dinamiche del presente.Una lettura critica di quel lungo tragitto è il miglior omaggio che si possa fare alla memoria di Pietro.

 

Catalogato in Se ne sono andati | 7 Commenti

Un pensiero per Theo

Theo lo sguardo vlcsnap-2012-06-15-23h43m15s129Una chiatta attraversa il Danubio trasportando i tronconi di una gigantesca statua di Lenin prelevata da chissà quale piazza e destinata a chissà dove e chi .Passa  dunque sotto ai nostri occhi la metafora del tutto esplicita di un’altra frantumazione che il protagonista, il regista A. puntualmente annota come tappa del suo viaggio alla ricerca delle bobine di un film girato dai fratelli Manakias.Dalla Macedonia attraverso i Balcani terminando in una  Sarajevo spesso immersa nella nebbia : un film malinconico e pieno di nostalgia proprio come immaginiamo dovesse essere  lo Sguardo di Ulisse acuto e perso in una ricerca tra passato e  futuro.

Premiato a Cannes 95 con il Gran Premio della Giuria,Interpretato da Harvey Keithel  e Erland Josephson che sostituì Gianmaria Volontè morto d’infarto durante le riprese.

La parola di Theo Angelopoulos, oggi più che mai, ci manca.

 

Lo sguardo di Ulisse è un film di Théo Angelopulos. Con Harvey KeitelErland JosephsonMaia Morgenstern Titolo originale To vlemma tou OdysseaFantasticodurata 130 min. – Grecia, Francia, Germania, Italia 1995

Catalogato in La fabbrica del cinema | 3 Commenti

I marmi di Melina

 

Melina Partenone event_339-600--20060919124002

 

 

Τα Μαρμαρα του Παρθενωνα scandì in modo che le reminiscenze  scolastiche potessero avere la meglio sul greco contemporaneo del suo  discorso di insediamento.

Era stata  Stella, Ilya, Fedra, Maria Maddalena, Alexandra, Blanche (mangiandosi tutte le Page e le  Leigh di questo mondo) interpretazioni indimenticabili a  restituire l’assoluto inedito modello di donna e di artista greca meno dolorosa ma egualmente appassionata,vitale ed intensa. Così diversa dalle Callas dalle Paxinou dalle Papas  dolenti testimonial  di strazi classicheggianti nelle rappresentazioni  estive dei teatri all’aperto e nei film che le vedevano protagoniste.

Dunque traslitterando : Ta Marmara tou Partenona ,i Marmi del Partenone annunciò secca e precisa con la bella voce appena arrochita.Li avrebbe riportati a casa reclamandone la proprietà intellettuale e materiale al British Museum : Il punto forte del suo programma da Ministro della Cultura non era solo fatto di  ritorno allo studio del greco antico nelle scuole o di promesse di rilancio del cinema e del teatro ma aveva plasticamente le fattezze di quelle statue,quei fregi, quei bassorilievi che gl’Inglesi avevano violentemente strappato – in qualche caso segandoli – al Partenone. Li avevano  pagati raccontarono poi con inaudita sfrontatezza alle Corti Internazionali.

Era il 1981, il discorso fu trasmesso da un notiziario di radio 3 all’ora di colazione, uno di  quei rari momenti in cui ci si può rallegrare perché qualcuno da qualche parte ce l’ha fatta.Dopo vent’anni di tour internazionali spesi a raccontare cosa succedesse nel suo paese,in epoche in cui la condanna di un regime sanguinario non era affatto scontata,il  Pasok aveva vinto  e lei ..lei  fu come averla innanzi agli occhi.

Lo stesso luogo un altro tempo.L’impegno appassionato e costante di Melina Mercouri  torna alla mente col richiamo ad Antigone nel discorso di Alexis Tsipras al Parlamento Europeo. Un colpo basso,d’accordo, da oratore che sa dove vuole arrivare.Tuttavia nessuno può ignorare che il conflitto Diritto – Giustizia non sia,ove si ponga,portatore di problematiche aspre e dilemmi inestricabili

Per un momento dimenticando la ragionevolezza dei conti,le polemiche e la geopolitica, si può sperare che il dolore di Antigone e le nefaste conseguenze dell’imposizione di Creonte raggiungano, vorrei dire il cuore,  ma la materia ha dignità etica e politica  tali da potersi insinuare soprattutto nella mente dei negoziatori.

Poi si potranno affrontare i conti, i cavilli, l’Europa matrigna e quella benefattrice e tutto il resto delle ragioni dall’una e dall’altra parte del tavolo, ma l’impegno a far sì che Antigone non torni a suicidarsi e ad innescare la nota catena di morte, deve essere un imperativo morale vivo e tangibile.Come i marmi del Partenone. Che prima o dopo torneranno a casa.

Catalogato in Donne, Giro del mondo | 1 Commento

Wouldn’t you like to know! Maybe it’s Marilyn Monroe!

Marilyn quando la moglieThe seven years itch che qui  da noi divenne Quando la moglie è in vacanza, presumibilmente  perché all’epoca i pruriti del settimo anniversario non erano ancora entrati nell’ immaginario nazional- collettivo ,  oggi compie 60 anni.

La foto qui sopra ritrae Marilyn in attesa del ciak mentre indossa  un abito bianco destinato a divenire  cult nel cult.

Di lì a poco, posizionata su una grata della sotterranea,  il plissè soleil della gonna si gonfierà per lo spostamento d’aria procurato dal passaggio del treno.Il fotogramma successivo è un capitolo fondamentale della Storia del Cinema.

Mi piace ricordare con questa foto l’attimo che precedette quel ciak, lei che ci riflette, la troupe concentratissima, (i fuori campo) Billy Wilder e Tom Ewans – straordinaria scelta,quest’ultimo,di identificabile uomo qualsiasi alle prese con una divinità – e la 20th Century Fox.

Grazie a tutti loro.

 

Foto da movieplayer.it

Catalogato in La fabbrica del cinema | 9 Commenti

I numeri, che bella cosa

itaSarà per dabbenaggine, faciloneria, sperticato ottimismo o trionfalismo consolatorio ma non riesco a scorgere nella cartina qui sopra drammi elettorali tali da spedire  il Premier  a casa come da categorico imperativo post voto by Toti, Salvini & Altri.

 

Vero è che le problematicità connesse con il governare i territori in rosso impongano un senso di responsabilità e una riflessione differenti da quelle fin qui avviate e non tanto perché niente è scolpito nella pietra e il quadro potrebbe cambiare – diritto questo inalienabile degli elettori, in qualunque circostanza –  ma perché quegli stessi cittadini che immaginiamo recarsi ai seggi non propriamente danzando, molte aspettative ripongono nel voto amministrativo che più direttamente condiziona il vivere quotidiano .Tali aspettative, particolarmente in un momento così delicato e difficoltoso,non possono essere deluse.

 

Un partito in cui  prospera la dialettica interna ma pacificato potrà essere di soccorso ad ogni operazione di buon governo.Ergo:senza parlare di vittorie di Pirro o di sconfitte metaforiche o di irresistibili ascese o di stop o di lune di miele interrotte o in corso, sarà il caso di mettere a profitto il voto dei cittadini e le indicazioni che ne scaturiscono.

 

E manco male che con le ultime amministrative almeno una moratoria sulle suggestioni del momento l’abbiamo ottenuta. Dunque, via l’onnicomprensivo – di interpretazioni a piacere – Partito della Nazione e via anche  il non meno martellante Partito di Renzi, l’uno smentito dai numeri e dalla composizione del voto, l’altro dalla vittoria di candidati friccicarelli e piuttosto versati a far di testa loro, nonché dal prevalere di certe imposizioni provenienti da territori ben attrezzati nell’arte di ramazzare voti.

Cade qualche mito su cui si sono consumati fiumi d’inchiostro e ore di urlazzi in trasmissioni dedicate? Evviva.

 

Nessun bonus per noi  invece sul fronte dell’aritmetica elettorale, laddove tutto si confronta, sommandosi o sottraendosi, con tutto e va da sé che ognuno stiracchi le cifre  come meglio gli convenga. Dare i numeri va sempre bene : è una buona partenza per considerazioni obiettive, a patto però che nel delirio matematico  non ci si ritrovi  per le mani  un confronto veneto dei voti del PD di domenica scorsa, con quelli del PCI di oltre trent’anni fa. (Non è un paradosso).

 

Un’ intervista di Paolo Sorrentino sugli Impresentabili che dal punto di vista narrativo sarebbero – ovviamente –  più interessanti dei Presentabili – si parlava di un eventuale film da realizzare – mi fa venire in mente le ore perdute dietro a racconti giornalistici  di ferali retroscena in cui  prevale il Peggio semplicemente perché la normalità di un’analisi politica non fa notizia,non vende,non diverte.Passi per Sorrentino che deve prendere gli Oscar, le Palme e i Nastri ma noi a che film affidiamo le nostre convinzioni ? Renzi come Underwood perché gioca alla playstation o scappa in Afghanistan per sottrarsi ad imbarazzate dichiarazioni? Renzi plenipotenziario di un partito zerbino? Renzi che col medesimo zerbino, divenuto nel frattempo partito della nazione, vuol uccidere la sinistra, scalare la vetta e rimanere lì in cima almeno una ventina d’anni? Sembra incredibile che nonostante il piglio distruttivo di certi racconti la gente continui ad andare a votare.Sempre meno, in verità, ma abbastanza per smentire qualunque infondatezza. I numeri – quelli veri –  in fondo anche a questo servono. Che bella cosa.

Catalogato in Amministrative 2015, Nuovo Palazzo | 8 Commenti