Un festival normal (retour, amour, foi, espoir, charité e molto altro)

 

 

 

 

 

 Ogni considerazione dura e coerente sulla gerontocrazia del cartellone è filata via liscia fino alle visioni di film incantevoli, opera di vecchi  autori ma con  un’idea di cinema  innovativa e seducente. Vous n’avez encore rien vu aveva promesso Resnais. E così è stato, non solo per il suo film. Ogni paragone con le nuove generazioni dopo non ha avuto più gran senso come pure le  graduatorie.Del resto era impossibile per un selezionatore rinunziare ad Haneke, Kiarostami,Resnais.Non a queste  opere :


 

 Basta maltrattare Kiarostami

…e perché non racconta storie iraniane – indovina un po’? – e perché gira in Giappone e perché qui il finale non c’è e lì manca l’inizio e perché dopo il Sapore della ciliegia e Sotto gli ulivi ci si sarebbe aspettati chessò…un delicato poema …e via dicendo. Like someone in love è un film straordinariamente elegante, una storia che in mano a chiunque sarebbe diventata: studentessa-escort orribilmente fidanzata con piccolo despota geloso incontra anziano cliente paterno.Invece no. Coup de foudre (e al cuore di chi scrive) per lo sguardo rispettoso del regista,la recitazione impeccabile e per aver appreso che il produttore per realizzare il film ha venduto un quadro di Klein.Separarsene dev’essere stato doloroso. 

 

 

Vous n’avez rien vu

La compagnia di attori di Antoine d’Anthac viene convocata dopo la di lui  morte per assistere al filmato della rappresentazione di Orfeo e Euridice. Volontà del defunto e testamento artistico – non quello di Resnais, come ha tenuto a precisare l’interessato – Venticinque attori ovvero il meglio del teatro e del cinema francesi si contendono un testo in un gioco di specchi sottile e raffinato.Il più sperimentale dei film di questa tornata viene dal novantenne qui sopra ritratto in entusiastico atteggiamento.Un uomo per cui si inventano premi speciali con motivazioni che parlano di contributo essenziale alla storia del cinema.(la palma del mio cuore)

 

 

Amore (coniugale)

Haneke – pluridecorato e favorito  nelle quotazioni degli allibratori  che mai ci azzeccano –  con il suo Amour spalanca le porte di un appartamento parigino in cui si consuma  il dramma del distacco definitivo tra due anziani coniugi. Aveva chiesto a Jean Louis  Trintignant e Emanuelle Riva che la sofferenza risultasse credibile ma non patetica nella rappresentazione antiromantica dell’ Amore Vero .Il risultato è un film emozionante – come non ci si aspetterebbe da Haneke – ben scritto e intensamente recitato da due attori sublimi .Due ore e passa di grande cinema. E chissene frega della gerontocrazia.

 

 

 

Metafora 

non è  propriamente la definizione più adatta a Reality, racconto,al contrario, esplicito, abile nel rendere Napoli senza semplificazioni passando con realistica disinvoltura  dai palazzi seicenteschi mezzo cadenti  alla sfacciataggine dei parchi acquatici o degli outlet o nel mettere in scena la parabola di certe piccole rovinose ambizioni.Garrone rispettoso della migliore tradizione cinematografica ne ripropone le situazioni adattandole al contesto e se è vero che in una fila di aspiranti attori a Cinecittà è fin troppo facile ritrovare Visconti è altrettanto vero che le atmosfere felliniane in cui è immerso il racconto sono le più adatte a definire lo spirito della città.Lieto sciamare del cast quasi al completo sulla croisette tra conferenza e photocall .Tapis rouge trionfale, allegro, elegantissimo del medesimo.

 

 

 

 

Sugar mamas

Così i  giovani africani chiamano le attempate turiste europee in cerca di erotismo un tanto al chilo.Turismo sessuale dunque per questo Paradise love, non dissimile per volgarità e arroganza da quello classicamente inteso della compravendita di ragazzini. Film intenzionalmente  repellente disgustoso e irritante dell’arrabbiatissimo – e come dargli torto – Ulrich Seidl, austriaco come le protagoniste – bravissime attrici – delle quali esibisce in egual misura solitudine,disperazione e corpi in sovrappeso.Vagamente misogino anche se questo comperarsi attenzioni è molto costruito sull’imitazione del maschio.Gran monito per chi abbia intenzione di un viaggio in Africa comprensivo di giro sulle giostre col prestante Keniota.Non lo fate, tristezza e ridicolo sono un pedaggio troppo alto da corrispondere alla disperazione. Meglio sole.

 

Continua (mentre tutto  è pioggia pioggia pioggia e Francia)

 

 

 

 


 

 

Questo post è catalogato in Cannes 2012, La fabbrica del cinema. Vai al permalink.

5 Commenti

  1. Rear Window commenta:

    Mi fa particolarmente piacere il ritorno davanti la macchina da presa di Jean Louis Trintignant, dopo le triste vicende che lo hanno profondamente segnato. Non foss’altro che per questo, io al suo film gli darei la Palma d’Oro…

  2. Sed commenta:

    Credo che non si possa parlare di ritorno dati i noti episodi e il suo rapporto da sempre “problematico” con il cinema.Il teatro al momento sembra essere la dimensione che più gli corrisponde.E’ molto invecchiato, tutti un po’ lo sono.A parte Resnais, ovviamente.

  3. Battista commenta:

    il pleut sur Cannes etc … Battista sta per tornare

  4. Lilas commenta:

    Allez…. vediamo che cosa sceglieranno e poi mi affiderò ai tuoi giudizi! A’ bientôt ! ;-)

  5. Sed commenta:

    I più escono a ottobre, a parte Cronemberg già nelle sale, il meglio nemmeno si vedrà grazie alle nostre lungimiranti politiche di distribuzione.
    Un pezzettino di cartellone in originale, sottotitolato in inglese o francese, tra una settimana sarà in rassegna a Milano.
    La buona notizia è che Garrone è stato venduto agli americani.
    E andiamo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.