Archivi Mensili: febbraio 2009

Tutt’altra Onda

Bastano pochi giorni per trasformare una classe di annoiati e scettici studenti bavaresi in pericolosi fanatici sostenitori del peggior regime totalitario. Herr Wenger carismatico insegnante dall’impeccabile curriculum  antagonista, vuol dimostrare che il nazismo non è un fantasma sepolto nei libri o in filmati d’epoca, così avvia un esperimento didattico attraverso il quale la lezione di storia – l’Autocrazia è il tema – diviene un laboratorio di  cieco  consenso. Il modello educativo, tra divise, gesti di riconoscimento, … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged | 2 Commenti

Meglio niente

Beppino Englaro è indagato per omicidio e insieme a lui l’equipe medica che ha dato corso alla sentenza con la quale la suprema corte, mesi orsono, sancì l’ ammissibilità della sospensione delle cure per Eluana. Data la vistosa mole di esposti che cittadini ed associazioni si sono premurati di far pervenire  in Procura negli ultimi mesi,  nessuna meraviglia.Tant’è che ogni figura professionale coinvolta nelle operazioni previste dal protocollo medico, era già da tempo costituita in associazione, proprio per meglio far … continua a leggere »

Catalogato in Palazzi di Giustizia | Tagged , | 2 Commenti

Hannah

  Un film che non è nella prospettiva della vittima corre sempre  grossi rischi. E’ dunque un buon segnale che l’Academy abbia superato le feroci polemiche che ne hanno accompagnato l’uscita, conferendo il premio ad un’ interpretazione intensa e determinante. Siamo forse al tramonto di certo moralismo di lettura – e non è ai rilievi di presunto  voyerismo pedopornografico che alludo –  Se così fosse, questo premio avrebbe più significato di quello attribuito a Sean Penn per Milk . Altro segnale … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged | 1 Commento

Di poche parole

  Primo, non dar retta agli americani che intorno a questo film hanno montato un caso che non finisce più, per le scene erotiche, la giovane età di lui e quella più matura di lei. Esagerati. E moralisti senz’appello. Secondo, non dar retta alla critica di casa nostra che ha tacciato The Reader di essere un lavoro ambiguo e melenso. Di ambiguità fino ai limiti del fastidio – e comunque sarebbe un disagio che dovremmo tenerci ben stretto – non potrebbe … continua a leggere »

Catalogato in La fabbrica del cinema | Tagged , | 10 Commenti

Alla fine ha vinto Maria

Il fatto è che il Festival è come Pasqua e Natale, puoi pure fare l’albero postmoderno o mettere l’uovo in braccio alla sorpresa ma quando arrivano i parenti  a colazione, ti rendi conto che è inutile : la festa comandata è inemendabile, manco la stricnina nella minestra o la sventagliata di kalashnikov al posto del dessert, potrebbero qualcosa Non a caso anche lì funziona la tautologia…Natale è Natale esattamente come  Sanremo è Sanremo Le modalità festivaliere in genere si … continua a leggere »

Catalogato in Uncategorized | Tagged | 14 Commenti