Vicino al Colosseo… c’è Mario

Questo post è catalogato in La fabbrica del cinema. Vai al permalink.

4 Commenti

  1. jeneregretterien commenta:

    leggo sul sito di femminismo al sud:

    E se un uomo come lui è costretto a fare questo in una nazione che dice di combattere gli integralismi non lo fa di sicuro solo per se stesso.

    Mi piace pensare che lo abbia fatto anche per me, per te, per noi, per voi. Per tutte le persone che sentono stritolate le proprie libertà in una brutta epoca, in un brutto posto, che tiene intrappolati i nostri corpi e pretende di avere la chiave di accesso per i segreti delle nostre anime.

    Grazie per tutti i film. Grazie per questo ultimo gesto di libertà.

    Ciao Mario.

  2. Sed commenta:

    “Rivoluzione” disse.
    Non mi ricordo in che puntata di Santoro, chi ci fosse e di cosa si stesse parlando.
    So che s’era creata un’atmosfera di disillusione, impotenza e amarezza.
    E lui ..subito pronto con la soluzione.

  3. jeneregretterien commenta:

    mi pare fosse Raiperunanotte.
    Anche per l’Aquila ha fatto lo stesso. E voi ricostruite, disse.

  4. Rear Window commenta:

    Come ho scritto da me, se n’è andato come Sordi e Gassman ne La Grande Guerra, andando deliberatamente incontro alla morte per seguire la sua idea di libertà.
    Mi mancherà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.