Johnny canta (meglio di tanti altri)

La vendetta è un sentimento nobile per Oscar Wilde e un piatto freddo per altri. In questo caso la vendetta è un pasticcio di carne ( una delle poche pietanze edibili della tradizione britannica ) per cui va pazza tutta Londra, e che la signora Lovett, lunare imprenditrice gastronomica, vende nella sua bottega, presumibilmente rifiutando di rivelare l’ingrediente segreto. 

Un libro, attribuito  a Malcom Rymertre ma probabilmente scritto collettivamente in una bottega ottocentesca, due versioni cinematografiche e una televisiva (Schlesinger alla regia e Ben Kinsley, fantasticamente istrionico, ai rasoi ) , un musical che Stephen Sondheim mette  in scena a a Broadway (567 repliche e 8 Tony Awards) con Angela Lansbury e Len Cariou, che diventò meta dei pellegrinaggi di famiglie in vacanza. Il tutto per raccontare la storia di un killer seriale, già uomo risolto e felice, divenuto incompreso e disperato per colpa del  giudice Timothy Spall che, innamorato della di lui moglie,  gli ha inflitto un’ingiusta condanna al solo scopo di allontanarlo e usurparne sposa e  figli.

Un soggetto che Tim  Burton,  al quale Sweeney è sembrato avere un che di  Edward Mani di Forbice, ha rimaneggiato con estrema cura, senza dimenticare i maestri di riferimento Mario Bava e Vincent Price e i disegnatori americani Chas Addams e Edward Gorey. Risultato : uno shock culturale dove il macabro diventa un inconsapevole simbolo ( Burton dice che non fa apposta ma che l’accostamento è fatale ) di tragica contemporaneità. Cosa non si farebbe  per amore e per vendetta  e così Sweeney, reduce dalle colonie penali  australiane, trovando la sua famiglia distrutta, cambia nome e mette su una barber shop  dove,  con calma e metodo, aspettando che anche il giudice vi  faccia tappa, per ingannare l’attesa , sgozza i suoi clienti, li getta   in una botola che comunica direttamente con il laboratorio di cucina,comparto lavorazione delle carni,   della  signora Lovett, cadaverico feticcio erotico , che nel frattempo è divenuta sua amante. Lei divorata dalla passione e lui dalla vendetta. Non rimane loro gran tempo per comunicare, per questo Lovett si concede il sogno dell’esistenza di una coppia qualsiasi cantando By the sea o Little Priest. Anche Depp – Sweeney, canta  praticamente per tutto il tempo, avendo Burton ridotto i dialoghi all’osso (quasi un film muto, ha osservato) e mentre il sangue che dalla sottile striatura dell’inizio, diventa quasi un fiume che scorre sotto la città, si materializza più di un’intuizione geniale , non ultima  quella di dare ad un lavoro orrorifico e feroce ,le sembianze del classico musical natalizio.

Il passaggio dal palcoscenico allo schermo non è dei più semplici,anche se la critica americana ha insinuato essere quest’opera degna dei musical di Vincente Minnelli.Burton riesce perfettamente nell’opera di trasposizione e soprattutto in quella di far cantare tutti (non professionisti) in modo impeccabile.Qui sopra un esempio classico di come il regista inseritosi nel set per dirigere Depp  ( o farsi dirigere, non è chiaro) sembra, anzi è , parte del film, nonostante l’abbigliamento contemporaneo e il fatto che trattasi di una pausa della lavorazione.Oscar a Ferretti e Lo Schiavo per la scenografia.

Sweenwy Todd il diabolico barbiere di Fleet street è un film di Tim Burton. Con Johnny Depp, Helena Bonham Carter, Alan Rickman, Sacha Baron Cohen, Laura Michelle Kelly, Timothy Spall, Anthony Stewart Head. Genere Musical, colore 116 minuti. – Produzione USA, Gran Bretagna 2007. – Distribuzione Warner Bros Italia

Questo post è catalogato in La fabbrica del cinema, Oscar 2008 and tagged , . Vai al permalink.

5 Commenti

  1. capelliVSricko commenta:

    Molto figo. Certo che se uno non è appassionato di Musical ti fai due maroni come due botti di rovere…..

  2. sedlex commenta:

    Infatti io non amo il musical al cinema e devo dire nemmeno il genere gotico ma questo film è talmente bello da vedere che quasi diventa inutile il dialogo (peraltro sottotitolato).Musiche gradevoli.Lei è fantastica.

  3. lilas commenta:

    Uh…come mi attira questo film!! Dal primo trailer che ho visto in TV ho capito che va visto!! Qui ne ho la piena conferma !

  4. sedlex commenta:

    ti piacerebbe anche la ricetta del pasticcio di carne (peraltro adatta a chi deve portarsi avanti col lavoro) se la vuoi …tolgo il lucchetto dal mio ricettario segreto

  5. capelliVSricko commenta:

    E cmq é un film eccezionale, ma da Burton me l’ aspettavo, come mi aspettavo che avrebbe cominciato a lavorare con Cohen e con gli attori della combriccola del ‘maghetto in erba, ma erba de quella bona’…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.