The Count

 

 

 

Not mine, sir. I’m an American citizen and I don’t give a hootenanny God damn about your nitpicking limey laws. I intend to broadcast from this ship 24 hours a day until the day I die. And then for a couple days after that.

 

Il ricordo è una voce incredibile e una gran naturalezza.L’impressione di una persona garbata, frettolosamente – e a torto –  bollata come poco avvenente.

Continuerà a trasmettere ben oltre a couple day previsti dalla battuta di questo  film  minore  interpretato con il talento di sempre.

Questo post è catalogato in La fabbrica del cinema, Se ne sono andati. Vai al permalink.

8 Commenti

  1. redpoz commenta:

    Che interpretazione anche in quel film!

    Non sono un grande appassionato di cinema, quindi non ho neppure troppa conoscenza di Seymour Hoffman, ma quell’interpretazione in “I love radio rock” è stata straordinaria, pur in un film non così “alto”.

  2. Sed commenta:

    Eccotelo : http://courtbouillon.it/?p=8071
    A me è piaciuto tantissimo
    E poi se ami il cinema devi essere onnivoro sennò che amante sei?

    • redpoz commenta:

      Mi son espresso male: ho adorato quel film. Tutto quel film.

      Però, non essendo un così grande appassionato di cinema, non ho presenti tutte le interpretazioni di Hoffman.

  3. Sed commenta:

    A me piace tanto questo http://courtbouillon.it/?p=7749 e comunque se digiti il nome completo nel motore di ricerca di questo disordinatissimo posto ne trovi altri. Manca The Master…m’è rimasto credo tra le bozze

  4. Rear Window commenta:

    Quanto mi è dispiaciuto! Al netto sulle considerazioni che riguardano il suo indiscutibile grande talento, quando muore il quel modo una persona così giovane, che perdipiù lascia 3 bimbi piccoli, è sempre una cosa così triste.

  5. Sed commenta:

    Viste dalle nostre postazioni di comuni mortali sembrano vite soddisfacenti :talento,riconoscimenti,i migliori registi,l’insegnamento,i ruoli prediletti, gli affetti…eppure qualcosa non funziona e i più fragili sembrano destinati a pagare costi altissimi. Era una persona gentile e una meraviglia d’uomo.

  6. Rear Window commenta:

    A me e mia moglie piaceva moltissimo. Straordinario in “Capote”, ne “Il dubbio”, ne “Le idi di Marzo” e nel bellissimo film di Lumet che ricordavi a Red. Forse il migliore attore americano della sua generazione…

  7. jeneregretterien commenta:

    ho letto una sua frase che mi ha raggelata, non ricordo le esatte parole:
    “se morissi di overdose chissà quante persone smetterebbero di drogarsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.