Honi soit qui mal y pense

Siccome una non va a farsi fare il cappello da Philip Treacy e la redingote da Vivienne Westwood  nella segreta speranza che tutti gli  intenditori di mode, protocolli, vini e pesci,  raccontino quanto perfetta fosse la cugina dello sposo, i commenti esageratamente schifati  sono sembrati francamente inutili come pure gli anatemi sulle mises di altre ospiti. I matrimoni, si sa, difficilmente sono luoghi d’inappuntabile  eleganza, quelli regali non fanno eccezione.



Tanto più che quel che ha fatto inooorridire stamane, è robetta  rispetto alle tiare, ai veli, ai ciaffi e alle meringhe sgualcite di qualche anno fa. Lo stesso luogo, un altro tempo. Diciamo che stavolta se la sono cavata.


Sotto questo aspetto, non si può dire che l’era Blair sia passata invano.Chiunque visiti l’Inghilterra può rendersene conto. Quando si dice il cambiamento che modifica la vita delle persone attraverso riforme e provvedimenti i cui benefici sono tangibili, manifestandosi nelle grandi come nelle piccole cose. Sempre che aver imparato a divertirsi a mangiare e a vestirsi, da parte degl’inglesi, possa essere considerata una questione di poco conto.


Che invidia vivere in una società che si evolve. Che vuole il cambiamento e l’ottiene. Ma sempre a proposito di invidia, c’è di più.


Esclusi Tony Blair e Gordon Brown  dalla cerimonia nuziale, ufficialmente  per la loro non appartenenza all’Ordine  più ambito, i labour  si sono guardati bene dal rilasciare dichiarazioni indignate, né hanno sollecitato i loro giornali a minimizzare l’ evento o a screditare chiunque. Si sono risentiti, al posto loro, i Tories,  gli avversari politici, rammentando a ognuno che gli elettori, quantunque di altro orientamento,meritano considerazione e rispetto.


Chiamiamolo fair play, chiamiamola ipocrisia, chiamiamola come ci pare, ma per chi, come noi, è abituato, da quasi un ventennio, a strilli, competizioni puramente verbali e svariati nulla di fatto, la finta sincerità del parlare con/alla cosidetta pancia, comincia a dare un senso di ripulsa.

E allora, Dio salvi la regina ( nipoti e cappelli compresi).

Questo post è catalogato in Modi e Mode. Vai al permalink.

2 Commenti

  1. D. commenta:

    Robetta come hai detto tu …

  2. Sed commenta:

    Quello è il paese in cui mi riesce di lavorare meglio.Preventivo sette giorni e in quattro ho già sbrogliato matasse che qui mi ci vorrebbero mesi.
    Burocrazia semplificata, metro in orario…che ne so.
    Quindi, non fosse altro che per riconoscenza, sarei incline a perdonare cappellini e robetta.Non i commentatori però.La cattiveria va benissimo,anzi mi piace.L’astio mi pare eccessivo e continuo a non capirlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.